Paternò, cittadini difendono l'ospedale: istituito un presidio permanente

La manifestazione proseguirà ad oltranza. I protagonisti della protesta lanciano un invito netto alla deputazione regionale: quello di "Rivedere un Piano regionale sanitario che, di fatto, cancella il nosocomio paternese"

I cittadini di Paternò, le associazioni di volontariato del territorio, le parrocchie, i numerosi rappresentanti istituzionali, hanno dato vita da questa mattina ad un presidio permanente dinanzi all'ospedale Santissimo Salvatore.

Una manifestazione che proseguirà ad oltranza, fanno sapere i protagonisti della protesta, e che lancia un invito netto alla deputazione regionale: quello di "Rivedere un Piano regionale sanitario che, di fatto, cancella il nosocomio paternese. I deputati isolani avranno l'obbligo di confrontarsi con il territorio"

I numeri legati tanto alla produzione finanziaria quanto agli utenti (il presidio ospedaliero serve oltre 120 mila persone) spiegano in modo netto che il Santissimo Salvatore costituisce un punto strategico - e non solo nella gestione delle emergenze - per la popolazione della provincia di Catania.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

Torna su
CataniaToday è in caricamento