Pazienti affetti da Sla dimenticati dalle Asp, il caso di San Giovanni la Punta

A lanciare il grido di aiuto è Alfio Caccamo, 58enne di San Giovanni la Punta. Sua moglie, 52enne, oggi si ritrova a convivere con la Sla. Caccamo chiede giustizia per sua moglie, tracheotomizzata, che respira tramite respiratore invasivo ed è nutrita artificialmente tramite "Peg"

Pazienti affetti da Sla dimenticati da alcune Asp in Sicilia. “Non riuscire più a muoversi e a parlare, dipendere da una macchina per respirare o da un sondino nello stomaco per alimentarsi, e l'ingiustizia della burocrazia italiana che nega l’indispensabile”.  Così intervengono i parlamentari regionali del Movimento 5 Stelle all’Ars che hanno già presentato un’Interrogazione rivolta al governatore Crocetta e all’assessore Borsellino. “L’unica urgenza – affermano i deputati M5s - è dare riscontro ai bisogni di questi malati e dei loro familiari”. In due giorni sono stati denunciati ben due casi. Il primo è quello di una paziente in provincia di Catania privata delle sonde di aspirazione. Oggi un caso a Mazara Del Vallo, la donna malata di Sla vede negata la richiesta di farmaci indispensabili per l’alimentazione da più di un mese. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel primo caso, a lanciare il grido di aiuto è Alfio Caccamo, 58enne di San Giovanni la Punta. L’appello è apparso sulle pagine de La Sicilia. Sua moglie, 52enne, oggi si ritrova a convivere con la Sla. Caccamo chiede giustizia per sua moglie, tracheotomizzata, che respira tramite respiratore invasivo ed è nutrita artificialmente tramite "Peg". Il 16 dicembre scorso Caccamo ha richiesto all'Asl di Gravina la fornitura di circa 2mila sonde di aspirazione endotracheale, almeno 10 sonde al giorno, per un tempo stimato di 6 mesi. "Dopo oltre un mese d'attesa - spiega Caccamo - ieri pomeriggio la specialista che segue mia moglie mi ha detto di essere stata richiamata da parte dell'Asl perché ha richiesto troppe sonde per mia moglie. Secondo loro la fornitura è di 2 o al massimo 3 sonde al giorno. Le sonde sono monouso e da utilizzare immediatamente appena viene aperta la confezione - continua Caccamo - ed è una esigenza vitale per mia moglie e per tutti i malati. Tra l'altro è da oltre un mese che aspetto queste sonde e oggi me ne sono rimaste solo 30. Mi bastano appena per tre giorni. E poi?".
 
Il secondo caso coinvolge l’Asp di Trapani. Da più di un mese i familiari della paziente M.L. di Mazara Del Vallo, infatti, hanno fatto richiesta per alcuni farmaci specifici all’Asl distretto di Mazara. Ma la cura, prescritta dal Prof. La Bella, coordinatore del Centro regionale di riferimento per le malattie dei motoneuroni-Sla al policlinico “Paolo Giaccone” di Palermo, non è ancora stata messa a disposizione della paziente. Si tratta di materiale indispensabile ed insostituibile per una adeguata nutrizione della paziente che nell’ultimo anno è dimagrita di 20 Kg. I parenti della donna chiedono aiuto alle istituzioni.
 
“Il perdurare dello stato di cose, - afferma il parlamentare M5s Sergio Tancredi, primo firmatario dell’atto parlamentare - sta mettendo a repentaglio la vita stessa delle pazienti in questione. La nostra preoccupazione va anche oltre, qualora questi casi fossero ben più numerosi e del tutto dimenticati da questo governo regionale”. Il deputato regionale Sergio Tancredi ha appena contattato telefonicamente il direttore dell’Asp di Trapani, quest’ultimo ha assicurato che stanno già facendo tutto il necessario, assicurando il massimo impegno per risolvere il caso della signora M. L. di Mazara Del Vallo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollo auto 2020 - Come presentare la richiesta di esenzione e rimborso

  • Coronavirus e Dpcm, Musumeci: "Ci permettano di aprire fino alle 23 ristoranti, bar, pizzerie"

  • Conte firma nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata ordinanza di Musumeci

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Covid-19: la differenza tra test sierologico, tampone rapido e tampone molecolare

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento