Giovedì, 5 Agosto 2021
Cronaca

Vigili del fuoco, Pci: "Forte allarme sulle condizioni lavorative"

Dopo i diversi contagi avvenuti tra i vigili in servizio nell'area etnea il segretario Luca Cangemi chiede maggiori tutele e controlli

Il segretario del Pci Luca Cangemi ha lanciato un forte allarme sulle condizioni in cui, in questo particolarissimo momento, sono costretti ad operare i vigili del fuoco, come sempre in prima fila. Un allarme accentuato dalla segnalazione di casi di contagio tra gli appartenenti al corpo a Catania.

"Registriamo innanzitutto - spiega Cangemi - una preoccupante carenza di dispositivi di protezione individuale che sono particolarmente necessari per una categoria così esposta. E un’ altrettanta grave carenza di controlli su personale particolarmente esposto".

Ma il Pci punta anche sulle problematiche più volte sottolineate dal sindacato Usb: "Le questioni di organici ridotti e del precariato, in particolare, mostrano oggi tutto, il loro devastante peso. Tanto più se si pretende di affidare ai vigili del fuoco una miriade compiti aggiuntivi come, tra l’altro, trasporto di farmaci, materiali e macchinari, igienizzazione di edifici, assistenza a persone particolarmente fragili. È quindi necessario che si adottino misure immediate e coraggiose su organici, attrezzature e controlli che permettano ai vigili del fuoco di poter operare in condizioni accettabili".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vigili del fuoco, Pci: "Forte allarme sulle condizioni lavorative"

CataniaToday è in caricamento