Minacciato e pestato il dirigente didattico di una scuola di Pedara

Il professore è stato raggiunto nella sua stanza e colpito con schiaffi, calci e pugni dai due balordi che senza mezzi termini hanno gridato "te ne devi andare da questa scuola"

Minacciato e pestato il dirigente didattico di un circolo di Pedara. Due uomini col volto scoperto ieri mattina intorno alle 11, hanno fatto irruzione nella scuola e dopo avere superato l'ingresso hanno aggredito Fernando Rizza, 54 anni dirigente dell'istituto "Salvatore Casella".

Il professore è stato raggiunto nella sua stanza e colpito con schiaffi, calci e pugni dai due balordi che senza mezzi termini hanno gridato "te ne devi andare da questa scuola". L'aggressione avvenuta ieri, intorno alle 11, è stata ricostruita dal quotidiano La Sicilia.

La scuola "Salvatore Casella" di Pedara è ritenuta un istituto abbastanza sicuro tanto che non e' mai stato montato un impianto di videsorveglianza. In tutto sono presenti oltre mille e trecento alunni suddivisi in 58 classi tra quelle dell'infanzia, delle elementari e delle medie.

Rizza è stato costretto a ricorrere alle cure dei medici del Cannizzaro che gli hanno prescritto sei giorni di prognosi. Prima di tornare a casa il professore ha denunciato l'accaduto ai carabinieri che per altre due volte è stato oggetto di violenze: la prima qualche anno fa quando gli fu bruciata l'automobile e la scorsa estate quando fu seguito e minacciato da due individui prima a scuola e poi sotto casa sua a Catania.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento