Periferie e legalità: oltre 200 cittadini all'incontro con il magistrato Sebastiano Ardita

La serata è stata organizzata dalla Rete Sociale Librino in collaborazione con il Coordinamento FIR, il Coordinamento Catanese del Volontariato e il Centro di Servizio per il Volontariato Etneo e ha registrato la presenza di circa 200 tra volontari, giovani, famiglie di Librino e cittadini catanesi

Nella ritrovata cornice dell'anfiteatro di viale Castagnola a Librino il magistrato Sebastiano Ardita ha incontrato ieri pomeriggio cittadini, volontari e famiglie in occasione dell'incontro “Periferie e Legalità”. La serata è stata organizzata dalla Rete Sociale Librino in collaborazione con il Coordinamento FIR, il Coordinamento Catanese del Volontariato e il Centro di Servizio per il Volontariato Etneo e ha registrato la presenza di circa 200 tra volontari, giovani, famiglie di Librino e cittadini catanesi, che si sono accomodati nella piccola e ordinata agorà del quartiere.

A moderare la giornalista di Live Sicilia Laura Distefano. Ad aprire i lavori il portavoce della Rete Sociale Librino, Guglielmo Barletta e il prof. Santo Carnazzo, volontario storico della Misericordia di Librino. Presenti anche il comandante dei carabinieri della Stazione di Librino Maurizio Prosperi, il presidente della IV Municipalità Alfio Allegra, la dirigente scolastica dell’Istituto Comprensivo “Fontanarossa” Concetta Tumminia e Giuseppe Ferraro Capo di Gabinetto del Comune di Catania.

“Vorrei ringraziare tutti quanti si sono impegnati affinché oggi è stato possibile parlare qui, in questo luogo simbolo, di legalità - ha dichiarato Guglielmo Barletta, portavoce della Rete Sociale Librino - Lo abbiamo voluto fortemente e la presenza di tanti bambini stasera è molto significativa, perché questo luogo è un bene comune e dunque deve appartenere anche a loro, tutti devono sentire questi luoghi come casa propria”. Il prof. Santo Carnazzo, volontario della Misericordia di Librino ha aggiunto: “Siamo qua perché pensiamo che questi ragazzi meritano la possibilità di avere uno sviluppo e un futuro armonico, in sintonia con il resto della città. Per riuscirci ci vuole una volontà ferrea, nel quotidiano, ma soprattutto una forte volontà politica di un'intera generazione, che deve sforzarsi di sviluppare logiche nuove. Non basta la sola azione della magistratura, ci vuole un'azione coordinata tra tutti gli attori politici e sociali della città e ancora una volta ribadisco l'importanza dell'azione del volontariato, che rimane fondamentale e insostituibile”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il magistrato Ardita ha poi proposto una articolata e profonda riflessione sul significato delle periferie, sulla storia e lo sviluppo della città di Catania e sulla necessità di trovare un nuovo modo per ripensare la città e intrecciare in maniera produttiva i temi della gestione dei beni comuni, della legalità e dell'impegno del volontariato: “Il pubblico deve finalmente ‘trasferirsi a Librino’, l'impegno dei volontari è sempre stato quello di portare servizi, opportunità e speranza nel quartiere, ma adesso non basta più, perché o ammettiamo che Librino è un quartiere dimenticato dalla città, oppure dobbiamo ripensarlo come una città e impegnarci per vincere questa scommessa. Le domande sono tante, le richieste sono tutte legittime. Adesso è il momento delle risposte, perché non può bastare solo l’impegno del volontariato e la buona volontà dei cittadini, ci vuole l'impegno delle istituzioni. Bisogna pretendere da chi gestisce la cosa pubblica che guardi alle cose e alle persone, ai beni pubblici e alle periferie, non con superficialità, ma con consapevolezza e attenzione e che dia spazi e opportunità al fermento e alle idee nuove che spesso nascono in periferia.” A chiudere l'incontro alcune domande dei volontari presenti e gli interventi della dirigente scolastica dell’Istituto Comprensivo “Fontanarossa” Concetta Tumminia e di Sara Fagone, rappresentante della Piattaforma Librino. L'anfiteatro di Viale Castagnola, ripristinato per questa occasione, sarà utilizzato già nei prossimi giorni per realizzare le attività culturali, sportive e ricreative che da anni impegnano i volontari delle associazioni del quartiere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollo auto 2020 - Come presentare la richiesta di esenzione e rimborso

  • Coronavirus e Dpcm, Musumeci: "Ci permettano di aprire fino alle 23 ristoranti, bar, pizzerie"

  • Conte firma nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata ordinanza di Musumeci

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

  • Coronavirus, oggi la nuova ordinanza del presidente Musumeci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento