rotate-mobile
Cronaca

La Pfizer scrive ai dipendenti per il trasferimento ad Ascoli, i sindacati: "Accordi non rispettati"

Dopo il vertice in prefettura, secondo le sigle sindacali, era emersa la volontà di congelare l'attuale vertenza per una settimana ma l'azienda avrebbe chiesto ugualmente ai dipendenti "in bilico" la possibilità di un trasferimento in un altro stabilimento

"Da una mail inviata dalla direzione risorse umane della Pfizer alle 15.37 di venerdì 18 febbraio ai lavoratori della Pfizer si evince che l'azienda ha invitato i dipendenti catanesi a manifestare interesse per il trasferimento nella sede di Ascoli Piceno". Lo rendono noto con un comunicato Filctem Cgil, Femca Cisl, Uiltec Uil di Catania e Ugl Chimici, che manifestano "perplessità e disappunto" per il messaggio, "inviato ai lavoratori nonostante l'accordo tra le parti di sospensione delle procedure di licenziamento sottoscritto nel corso dell'incontro ufficiale di ieri in prefettura".

"Di fronte al prefetto Maria Carmela Librizzi - sottolineano i sindacati - con la Pfizer abbiamo concordato di congelare per una settimana ogni passaggio formale e informale rispetto alla vertenza in attesa del Piano industriale. Avere inviato le istruzioni per un'eventuale ricollocazione nel sito di Ascoli Piceno e gli incentivi economici per chi fra i 130 sarebbe disponibile al trasferimento dalla sede di Catania ci appare una scelta irrispettosa non solo dei lavoratori ma anche delle istituzioni che hanno partecipato al confronto di ieri. Chiediamo chiarimenti ma soprattutto certezze che qualunque patto venga rispettato nell' interesse di tutti".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Pfizer scrive ai dipendenti per il trasferimento ad Ascoli, i sindacati: "Accordi non rispettati"

CataniaToday è in caricamento