Catania senza Prg, la proposta di Mirenda: "Usiamo quello di Stancanelli"

Il consigliere comunale Maurizio Mirenda ha proposto, durante un incontro con la commissione urbanistica, di valutare e richiamare in seduta l’atto deliberativo del piano regolatore nato sotto la precedente amministrazione Stancanelli. Un progetto votato, all'epoca, favorevolmente sia dalla maggioranza che dall’opposizione

Il consigliere comunale Maurizio Mirenda ha proposto, durante un incontro con la commissione urbanistica, di valutare e richiamare in seduta l’atto deliberativo del piano regolatore nato sotto la precedente amministrazione Stancanelli. Un progetto votato, all'epoca, favorevolmente sia dalla maggioranza che dall’opposizione, che in teoria potrebbe essere adottato anche dalla giunta Bianco in mancanza di un nuovo Prg.

L’atto deliberativo del piano regolatore è utile innanzitutto per dare impulso allo sviluppo economico dell'intera città." Oggi tanti terreni nelle periferie del capoluogo etneo sono in completo stato di abbandono- commenta Mirenda- e rivalutarli significherebbe mettere in moto un circolo virtuoso, legato al settore dell’edilizia, con conseguente sviluppo occupazionale. Un nuovo corso per Catania a cui legare pure lo studio del vecchio piano di riutilizzo della zona “B” e della zona “A” della città. Un progetto aperto anche a quartieri come Vaccarizzo che, ancora oggi, restano senza opere di urbanizzazione".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Territori abitati da migliaia di famiglie che, nel caso della Collina Primosole oppure dei Villaggi a Mare, sono privi di rete fognaria o di un sistema di pubblica illuminazione adeguato. Il progetto è stato già sottoposto all’attenzione della commissione comunale all’Urbanistica. L’attuale amministrazione non può, quindi, più nascondersi di fronte ad un lavoro di così grande importanza per l’intero territorio. Oggi siamo in largo ritardo rispetto ai termini previsti dalla normativa per la presentazione del piano di utilizzo. Cosa che invece non si è verificata per il piano di utilizzo marittimo la cui competenza di gestione spetta alla Regione e non a Palazzo degli Elefanti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Gestivano piazze di spaccio e furti di carburante nel Catanese, 11 arresti

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Arrestato anche il secondo rapinatore della gioielleria di via Umberto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento