Il consiglio comunale approva il programma triennale opere pubbliche

La delibera, insieme a un emendamento presentato dall'amministrazione comunale, ha avuto il pronunciamento positivo a maggioranza dei 19 consiglieri presenti a palazzo degli Elefanti

Il Consiglio comunale, presieduto da Giuseppe Castiglione, ha approvato nella seduta di prosecuzione di ieri sera il piano triennale delle opere pubbliche 2020-2022 e l’elenco annuale dei lavori per l’anno 2020. La proposta di delibera che la giunta comunale presieduta da Salvo Pogliese aveva deliberato e trasmesso al consiglio lo scorso 20 giugno è stata illustrata in aula dall’assessore ai lavori pubblici Enrico Trantino, che ha sottolineato il grande lavoro svolto da dirigenti e tecnici comunali. A partire dai direttori dei lavori pubblici e della ragioneria, che hanno operato in condizioni di particolari difficoltà dovute soprattutto alla carenza di personale per aggiornare la programmazione dei lavori pubblici. La delibera, insieme a un emendamento presentato dall'amministrazione comunale, ha avuto il pronunciamento positivo a maggioranza dei 19 consiglieri presenti a palazzo degli Elefanti(sedici favorevoli, due astenuti e un voto contrario).

Altri due emendamenti, uno del consigliere Daniele Bottino e uno di Giovanni Grasso sono stati fatti propri dall'amministrazione per l’inserimento di ulteriori opere pubbliche nella programmazione comunale. Presenti al dibattito consiliare sul documento di programmazione, che contiene l’elenco dei lavori il cui valore stimato sia pari o superiore a 100 mila euro, anche gli assessori Giuseppe Arcidiacono e Sergio Parisi. "L’approvazione del piano triennale delle opere pubbliche -ha commentato l’assessore Enrico Trantino - è un altro importantissimo passo per dare un volto nuovo alla città. Non ci nascondiamo, sappiamo quali criticità derivino dalla mancanza di progetti esecutivi e dalla impossibilità di redigerli, dato il numero irrisorio di tecnici comunali e l’impossibilità di nominare progettisti esterni a causa del dissesto che abbiamo ereditato. Ma l’approvazione del bilancio stabilmente riequilibrato e l’interlocuzione costante con l’Agenzia della Coesione, ci hanno fatto individuare possibili soluzioni a un problema che si trascina da parecchi anni. L’amministrazione Pogliese non si è mai arresa davanti alle difficoltà e continuerà su questo percorso".

Tutta la documentazione relativa al provvedimento originario, al momento senza le modifiche emendativi, è disponibile sul sito del Comune. Nel corso della seduta di ieri, l'aula, si è anche espressa favorevolmente su due ordini del giorno. Il primo, presentato dal consigliere Manfredi Zammataro, impegna l'amministrazione a intervenire presso il governo nazionale per la revoca del provvedimento che inserisce la Sicilia nella fascia di rischio arancione riguardo all'emergenza Covid. Il secondo, illustrato dalla consigliera Sara Pettinato, impegna l'amministrazione a prevedere per ogni opera pubblica specifici piani di sicurezza nel rispetto delle norme anti-Covid e volti alla prevenzione dell'arresto cardiaco con l'installazione di defibrillatori. Il presidente Castiglione, al termine della seduta, ha espresso il suo commento. "Ancora un'importante delibera che prevede importanti opere pubbliche anche nei quartieri popolari come San Cristoforo, è stata approvata dal consiglio, con impegno e senso di responsabilità, messi in campo da tutti, anche dai revisori dei conti, ai quali esprimiamo particolare gratitudine per la presenza costante e attenta ai lavori del consiglio".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

Torna su
CataniaToday è in caricamento