Coltivava marijuana sotto falso nome: arrestato latitante catanese

Aveva preso in affitto un terreno ad Enna, dove coltivava 160 piante di cannabis che avrebbero fruttato più di 800 chilogrammi di droga

.Coltivava marijuana e aveva preso in affitto sotto falso nome un terreno ad Enna: si nascondeva così il latitante catanese Antonio Consoli, pluripregiudicato 45enne, arrestato per detenzione e coltivazione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente, sostituzione di persona, contraffazione e ricettazione.

L'arresto dell'uomo risale all'11 agosto scorso quando i carabinieri avevano fermato in contrada Vallone di Fontana Murata del Comune di Centuripe, due coniugi catanesi: Alfio D'Antoni, pregiudicato, e la moglie Corradina Saitta Corradina, entrambi di 41 anni, all'interno di una piantagione con 160 piante di cannabis.

Nel corso delle indagini successive i carabinieri,  coordinati dal Sostituto Procuratore della Procura della Repubblica di Enna Stefania Leonte, hanno accertato che il terreno dove si trovava la piantagione era stato preso in affitto con regolare contratto da Consoli sotto falso nome. Dopo la sua fuga, i militari hanno pedinato i familiari fino a quando, ieri mattina, è stato individuato a bordo di un'auto vicino Catania e bloccato. La coltivazione sequestrata in agosto avrebbe fruttato oltre 800 kg di sostanza stupefacente.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Palermo-Catania, illeso il cantante neomelodico De Martino: morto un 60enne

  • Incidente stradale sulla Palermo-Catania, scontro tra un furgone e una Porsche: un morto e due feriti

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Arrestato anche il secondo rapinatore della gioielleria di via Umberto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento