Operazione Great Skunk: scoperta una piantagione di marijuana dentro un capannone,tre arresti

Dentro un laboratorio industriale era nascosta una distesa di cannabis con migliaia di piante. La polizia ha arrestato tre persone e sequestrato 3000 piante di marijuana

foto archivio

Scoperta dalla polizia di Catania una grande piantagione di marijuana sul litorale di Agnone Bagni. Migliaia di piantine sono state sequestrate, esattamente 2500, nascoste all'interno di un capannone industriale utilizzato per la coltivazione intensiva di cannibis. I tre responsabili sono tutti catanesi, due dei quali pregiudicati: Salvatore Carbonaro, 18enne incensurato, Domenico Conticello, 51 anni e Angelo Rando, 44enne. Quest'ultimi due già noti alle forze dell'ordine per reati passati sono uniti dal legame di parentela, in quanto cognati e avevano già iniziato l'attività nel mese di maggio proprio nel luogo in cui Rando risultava domiciliato.

VIDEO La serra sequestrata

Si tratta per la polizia etnea del primo sequestro di un laboratorio in stile olandese, con alcune lampade speciali per produrre una qualità pregiata di marijuana, ogni pianta infatti riusciva a rendere fino ad un chilogrammo di skunk. Gli agenti, già dal mese scorso avevano avviato un'intensa attività investigativa, con osservazioni mirate e pedinamenti. Sull'Opel Zafira di Conticello i poliziotti avevano istallato un pedinatore Gps che ha permesso di risalire direttamente ad un'appezzamento di terreno in contrada Cavetta e al laboratorio in zona Gelsari.

VIDEO I dettagli del sequestro

Il capannone, perquisito dagli agenti di polizia, era un vero e proprio laboratorio industriale dotato di sistemi sofisticati per l'agricoltura intensiva, con servizi per l'ossigenazione, sistemi di depurazione dell'acqua con osmosi inversa, timer, climatizzatori, stufe, fertilizzanti, ma anche aree destinate all'essicazione e alla stagionatura della marijuana. Perquisita anche l'abitazione di Salvatore Carbonaro, catenese residente ad Agnone Bagni, dove sono state sequestrate altre 400 piante di cannabis.

I due pregiudicati, dopo il sequestro, sono stati condotti nel carcere di  Cavadonna a Siracusa, il 18enne invece è al momento agli arresti domiciliari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Bancarotta fraudolenta, sotto sequestro 3 ristoranti: arrestato il titolare del "Cantiniere"

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

  • Ritrovato cadavere di un uomo carbonizzato: indagano i carabinieri

  • Un incendio per disfarsi delle cimici, smantellate due piazze di spaccio: 16 arresti

Torna su
CataniaToday è in caricamento