Piastrelle tossiche importate dalla Cina: scatta il sequestro a Mascalucia

Secondo gli investigatori, è possibile che siano state preparate con un rifiuto pericoloso

Piastrelle cinesi da pavimentazione, importate da una società di Mascalucia, che all’improvviso cambiano colore e si degradano, rivelandosi altamente tossiche e nocive alla salute. La guardia di finanza ne ha sequestrato una ingente quantità dopo i rilievi dell'Arpa, secondo cui "l’esposizione delle persone alle polveri generate dal calpestio dei pavimenti coperti con tale tipologia di mattonelle è causa di danno, nel lungo periodo, alla salute delle persone che risiedono nei relativi ambienti indoor... ”.

vlcsnap-2017-02-09-10h47m38s184-2

L'amministratore dell'azienda di Mascalucia che le rivendeva a tutta la Sicilia, è stato denunciato dalle fiamme gialle.  Sempre nel paese etneo, è stato individuato dai finanzieri della compagnia di Enna un secondo lotto, proveniente da Sassuolo ed importato dalla Cina per essere poi venduto in tutta Europa, anche a catene di grande distribuzione. La merce proveniva da due diverse aziende della regione del Guangdong, nel sud della Cina, con identici stampi.

I finanzieri hanno sequestrato l’intera documentazione doganale e commerciale riferita ai due lotti di piastrelle, individuando anche gli esercizi commerciali cui erano state vendute e riuscendo a sottoporre a sequestro, circa 7000 pezzi in 15 operazioni, prima che venissero commercializzati ed utilizzati dagli acquirenti. Denunciati i rappresentanti legali delle società italiane d’importazione e commercializzazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Arsenico, nichel, piombo e cromo, sono le sostanze rilevate nelle piastrelle in quantità tali da costituire pericolo per la salute. Normalmente vengono “sigillate” all’interno della  piastrella tramite il processo di vetrificazione dovuto alle altissime temperature di cottura, mentre in questo caso tale processo di fabbricazione non era stato compiuto in maniera regolare. Secondo gli investigatori, è possibile che le piastrelle siano state preparate con un rifiuto pericoloso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollo auto 2020 - Come presentare la richiesta di esenzione e rimborso

  • Coronavirus e Dpcm, Musumeci: "Ci permettano di aprire fino alle 23 ristoranti, bar, pizzerie"

  • Conte firma nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata ordinanza di Musumeci

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

  • Coronavirus, oggi la nuova ordinanza del presidente Musumeci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento