Piazza Bonadies, pusher sfugge alla polizia ma i familiari lo convincono a costituirsi

Nella casa del giovane spacciatore sono stati trovati quattro involucri termosaldati nascosti in un cassetto assieme a una bilancia di precisione e 270 euro

In manette è finito uno spacciatore catanese di 19 anni, per detenzione e spaccio di cocaina.

Ieri pomeriggio intorno alle 18 una pattuglia ha notato il pusher che con fare sospetto parlava insieme ad un uomo davanti al portone di un’abitazione.
Vedendo l’auto della polizia, il giovane spacciatore si è rifugiato in una casa, lasciando inavvertitamente socchiusa la porta per la fretta. Gli agenti lo hanno quindi seguito ma il giovane ha scavalcato il muro di un terrazzino ed ha fatto perdere le sue tracce.

I militari, identificato il fuggitivo, hanno perquisito la sua casa e trovato la droga in camera da letto: quattro involucri termosaldati nascosti in un cassetto assieme a una bilancia di precisione e 270 euro.

I familiari hanno poi convinto il pusher a costituirsi alla polizia data anche l’evidenza delle prove a suo carico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

Torna su
CataniaToday è in caricamento