Controlli nelle macellerie di piazza Carlo Alberto, solfiti e nitrati nelle carni

L'uso di tali additivi chimici può provocare effetti tossici talvolta letali. Sei macellerie su otto hanno fanno uso di solfiti e nitrati, come dimostrato dalle analisi di laboratorio

Controlli dei carabinieri del Nas e del comando provinciale di Catania nei confronti delle macellerie presenti nella centralissima piazza Carlo Alberto sede del noto mercato denominato “fera ‘o luni”.

Scoperta una pratica ancora oggi molto diffusa consistente nell’impiego illecito di solfiti e nitrati nelle carni fresche per impedirne la rapida ossidazione ed il deterioramento, favorendo il mantenimento di un aspetto “ravvivato” dal tipico colore rosso, sebbene siano già iniziati i processi putrefattivi, in questo modo fraudolentemente mascherati.

L’uso di tali additivi chimici non consentiti e non dichiarati, che agiscono come veri e propri allergeni, può provocare effetti tossici talvolta letali come, purtroppo, le recenti cronache ci documentano.

A seguito dell’attività di campionamento delle carni effettuato dai militari dell’arma con la collaborazione dei medici del locale dipartimento di prevenzione veterinaria è emerso un dato molto allarmante: sei macellerie su otto hanno fanno uso di solfiti e nitrati, come dimostrato dalle analisi di laboratorio.

I titolari delle macellerie sono stati denunciati alla Procura della Repubblica presso il Tribunale. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

  • Ritrovato cadavere di un uomo carbonizzato: indagano i carabinieri

Torna su
CataniaToday è in caricamento