Piazza Duomo, metodo Stamina: il “grido di dolore” dei malati catanesi

"L'assessore alla Sanità Lucia Borsellino aveva già annunciato l'apertura di due strutture: presso l'ospedale Cervello di Palermo ed il Ferrarotto di Catania. Ma all'improvviso tutto si è bloccato dopo un confronto con il ministro della Salute Beatrice Lorenzin"

"Vogliamo avere la possibilità di scegliere. Le cure del metodo Stamina funzionano ed è ingiusto che a dei malati gravi o terminali venga fatto divieto di curarsi adeguatamente per dei cavilli burocratici che nessuno comprende". A dichiararlo è Massimo Nicoletti, uno dei 5000 pazienti siciliani affetti da malattie neurodegenerative, nel suo caso sclerosi multipla, che invoca a gran voce il via libera al metodo Stamina in Sicilia.

Un percorso terapeutico formalmente privo di basi scientifiche messo a punto da Davide Vannoni, laureato in lettere e filosofia. Insieme a lui, questa mattina in piazza Duomo una decina di altri malati insieme ai loro familiari, riuniti all’ombra dell’elefante per sensibilizzare l’opinione pubblica e le istituzioni. In contemporanea, a Palermo, è in corso una manifestazione ad oltranza sotto Palazzo d’Orleans.

"L’assessore alla Sanità Lucia Borsellino aveva già annunciato l’apertura di due strutture: presso l’ospedale Cervello di Palermo ed il Ferrarotto di Catania. Ma all’improvviso tutto si è bloccato dopo un confronto con il ministro della Salute Beatrice Lorenzin". Dallo scorso 23 luglio a Montecitorio  è in atto la protesta dei fratelli di Lipari Sandro e Marco Biviano, afflitti da distrofia muscolare. Nell’Isola sono oltre 240 i malati che hanno già richiesto di accedere al trattamento.

Il metodo proposto dalla Stamina Foundation Onlus prevede la conversione di cellule staminali mesenchimali in neuroni, dopo una breve esposizione ad acido retinoico diluito in etanolo. La terapia consiste nel prelievo di cellule dal midollo osseo dei pazienti, la loro manipolazione e infine la loro infusione nei pazienti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Coronavirus, morto l'avvocato Ferlito: per lui era stato lanciato un appello ai donatori di plasma

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento