Illuminazione piazza Europa e Sciascia, la replica della società di parcheggio

Il Comune è intervenuto per ripristinare l'impianto di illuminazione, affermando di volersi rivalere su parcheggio Europa srl. Quest'ultima afferma però che la manutenzione è invece totalmente a carico dell'amministrazione

Lo scorso 5 aprile il comune di Catania ha dato avvio ai lavori di ripristino dell'illuminazione in piazza Europa e Leonardo Sciascia. L'intervento, del costo di 32 mila euro, è stato effettuato dalla ditta Gemmo, ma il Comune ha sottolineato che i lavori però dovranno essere pagati dalla società Parcheggio Europa srl, concessionaria che avrebbe dovuto realizzarli. Quest'ultima però, con una nota ufficiale replica all'amministrazione.

"Con enorme stupore ci troviamo a dover ribadire per l’ennesima volta come, essendo state regolarmente restituite al Comune di Catania, ad opera ultimata, con regolari collaudi e relativi verbali, le aree di superficie sovrastanti il parcheggio, gestito dalla Parcheggio Europa srl in forza dei contenuti della Convenzione del 23 giugno 2005, poi modificati con l’Accordo bonario del 2 maggio del 2013, la manutenzione ordinaria e straordinaria di tali aree sia a carico esclusivo del Comune stesso, con la sola eccezione della manutenzione ordinaria del verde. Di conseguenza, ogni altro onere relativo alla manutenzione delle piazze Europa e Sciascia è da ritenersi a carico del Comune di Catania, così come avviene per ogni altra piazza pubblica, compresa la cura dell’impianto di illuminazione ed il ripristino delle parti vandalizzate e danneggiate. Quanto detto è stato riconosciuto anche in occasione della consegna delle aree sovrastanti il parcheggio, quando le parti, per sgomberare il campo da ogni equivoco, misero a verbale che sarebbero sempre rimasti a carico del Comune di Catania gli oneri di pulizia e di illuminazione delle aree in questione. Nella nota del Comune si fa inoltre riferimento a quasi un anno di richieste d’intervento e continui solleciti, che in realtà si riferirebbero ad una sola lettera inviataci il 12 aprile dello scorso anno dalla Direzione Lavori Pubblici e Protezione Civile del Comune di Catania, a cui peraltro abbiamo prontamente replicato senza mai ricevere alcuna risposta. Circostanza che ci ha indotto a ritenere che il Comune avesse compreso e accolto la nostra posizione".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Con la speranza che possa finalmente esserci un incontro risolutivo - conclude la note di Parcheggio Europa srl - e certi della disponibilità del Comune di Catania a porre l’attenzione necessaria alla vicenda, siamo pronti ad impegnarci nel trovare una soluzione che possa venire incontro alle esigenze di entrambe le parti, nel rispetto del decoro di due piazze da sempre luoghi simbolo della città”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Gestivano piazze di spaccio e furti di carburante nel Catanese, 11 arresti

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Arrestato anche il secondo rapinatore della gioielleria di via Umberto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento