Piazza Sciuti, riqualificata e dimenticata: petizione dei residenti

"Denunciamo l’assenza da parte dell’amministrazione della manutenzione periodica del verde: non viene periodicamente effettuato il discerbamento delle aiuole. Un altro importante problema è la viabilità della zona"

Circa un anno fa è avvenuta la riqualificazione di Piazza Sciuti, sottraendo così la zona al degrado dei cassonetti stracolmi di spazzatura e dal parcheggio di macchine prevalentemente abusivo. La piazza è stata accolta con grande entusiasmo non solo dagli abitanti ma anche da tanti cittadini, diventando un luogo di ritrovo per giovani, famiglie e bambini. La riqualificazione della stessa ha contribuito alla nascita di tante piccole realtà commerciali aperte da giovani imprenditori che stanno scommettendo sul rilancio di tutta la zona circostante.

"Per tali ragione crediamo che tale processo di rivalutazione e riqualificazione del nostro quartiere non possa arrestarsi. Come residenti ci troviamo quotidianamente a dover fronteggiare situazione di inciviltà e degrado. Denunciamo infatti l’assenza da parte dell’amministrazione della manutenzione periodica del verde, infatti nonostante la bellezza e la cura con la quale è stata realizzata la piazza , non viene periodicamente effettuato il discerbamento delle aiuole. Un altro importante problema è la viabilità della zona, nonostante la piazza sia delimitata dall’area mercatale, le autovetture che entrano da via Filippo Corridoni arrivano fino a piazza Sciuti, non potendo proseguire per via del mercato e per mancanza di idonea segnaletica, attraversano pertanto il basolato della piazza", si legge nella petizione firmata da residenti e commercianti della zona, nonchè presentata all'uffico protocollo del comue di Catania.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Non essendoci alcuna segnaletica, la piazza sovente si trasforma in un parcheggio abusivo per la sosta delle autovetture. Non da ultimo infatti un tir di consegne salendo sul basolato ha frantumato uno dei lampioni della piazza, e nonostante le segnalazioni ad oggi non vi è stata alcuna sostituzione. Il decoro e l’esistenza stessa della piazza si scontra con le precarie condizioni igieniche e di pulizia del mercato alimentare di Piazza Carlo Alberto, dove giornalmente alla chiusura di questo, gli operatori non essendo dotati di adeguati contenitori, lasciano enormi quantità di sporcizia e resti alimentari disseminati per terra,. Inoltre la sporcizia del mercato determina l’otturamento dei tombini, con gravi conseguenze durante le giornate di pioggia, infatti l’acqua non potendo defluire, inonda piazza Sciuti e le botteghe circostanti causando enormi disagi e danni per gli abitanti ed esercenti. Chiediamo pertanto l’intervento immediato dell’amministrazione comunale affinchè trovi adeguate soluzioni alle problematiche sopraesposte", conclude la nota.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Conte firma nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata ordinanza di Musumeci

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

  • Coronavirus, oggi la nuova ordinanza del presidente Musumeci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento