Piazza Umberto, iniziativa "Siamo tutti pedoni" prevista il 25 novembre

Il programma della manifestazione, che si svolgerà in piazza Umberto, dalle ore 7 alle 14, prevede la chiusura della stessa piazza e della Via Umberto ma soltanto nel tratto tra le vie Aloi e Musumeci, assicurando in tal modo la circolazione veicolare tutto attorno

Sensibilizzare, educando ad un approccio culturale diverso, i conducenti di auto e moto spesso responsabili di gravi incidenti, a causa dell’ eccessiva velocità e il mancato rispetto delle regole, in cui la vittima principale è il pedone quale utente più debole della strada. E’ uno degli scopi della campagna nazionale “Siamo Tutti Pedoni” che si articolerà in due momenti diversi a partire da mercoledì, abbracciando l’arco temporale tra ottobre e marzo, nel quale, in base agli studi statistici, è più alto il numero dei pedoni, vittime della strada.

"La nostra città ha aderito alla campagna nazionale promossa dal Centro Antartide di Bologna, in linea con gli impegni assunti per favorire politiche di mobilità sostenibile. L’iniziativa nasce con il sostegno dell’Osservatorio per l’educazione stradale e la sicurezza dell’Emilia Romagna insieme a Spi-Cgil, Fnp-Cisl, Uilp-Uil e con i patrocini del Senato della Repubblica, della Camera dei Deputati, Ministero della Salute, Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome, Anci e Aci" dichiara l'amministrazione.

Il programma della manifestazione, che si svolgerà in piazza Umberto, dalle ore 7 alle 14, prevede la chiusura della stessa piazza e della Via Umberto ma soltanto nel tratto tra le vie Aloi e Musumeci, assicurando in tal modo la circolazione veicolare tutto attorno. Diversi i momenti previsti a cui parteciperanno gli alunni delle scuole elementari e medie catanesi. Tra l’altro sarà presente un autobus elettrico messo a disposizione dell’ Amt, e “ vestito” con il manifesto dell’iniziativa, che ospiterà una mostra con i disegni realizzati dagli alunni delle scuole coinvolte. In piazza,sarà anche presente l’AutoBook della direzione Cultura. Per rendere ancora più significativa la giornata con un risvolto solidale, gli alunni delle scuole doneranno delle scarpe, per ricordare le vittime della strade. Le scarpe saranno poi date, attraverso il Comune, alle società di volontariato che si occupano degli indigenti.

Anche la Fiab (Federazione italiana amici della bicicletta ) di Catania, con suoi stand spiegherà i vantaggi dell’uso alternativo all’automobile, spiegando come circolare in sicurezza e nel rispetto delle norme nella strade della città. “Fantamulte” saranno redatte dagli alunni che partecipano al progetto Capture Noise agli automobilisti indisciplinati. A Catania, unica città in Sicilia ad aver aderito alla Campagna (le altre città sono con Bologna: Cosenza, Faenza, Ferrara, Forlì, Desenzano sul Garda e Legnano) , si cercherà di far attecchire nella gente il concetto che la strada e il traffico devono adeguarsi al più debole e quindi al pedone, e non viceversa. Questa nuova consapevolezza starà al fianco di una maggior diffusione del rispetto delle regole per rendere maggiormente sicure le strade ed anche più incisive le azioni repressive volte ad ottenere un protagonismo diffuso che favorisca un nuovo corso di maggiore consapevolezza. Per maggiori informazioni è possibile contattare il numero 095 /7426605/ 6616/6619 dell’Ufficio del Mobility Manager di Area o consultare nel sito istituzionale le pagine dedicate alla manifestazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento