Piazza Verga, parcheggiatore abusivo aggredisce un mendicante per sottrargli 20 euro

La vittima ha spiegato che l’aggressore gli aveva intimato di non farsi vedere in futuro nei pressi di quella piazza

Ieri pomeriggio, intorno alle 15:50, un funzionario della polizia, libero dal servizio, in piazza Giovanni Verga, ha notato una persona da lui conosciuta che, palesemente infastidito e preoccupato, gli raccontava quanto accaduto il giorno prima e cioè che, sempre nella stessa piazza, un tizio, assiduo frequentatore di quei luoghi – perché solitamente svolge l’attività di parcheggiatore e chiede l’elemosina, identificato poi come G.M. - l’aveva aggredito fisicamente a spintoni e minacciato di fargliela finire male, al fine di sottrargli i soldi di cui disponeva, circa 20 euro, raccolti nel corso della giornata grazie alla generosità altrui.

La vittima ha spiegato che l’aggressore gli aveva intimato di non farsi vedere in futuro nei pressi di quella piazza, perchè diceva di essere l'unico legittimato a starvi per motivi legati alla sua attività di elemosinante e di parcheggiatore abusivo.

G.M. avrebbe minacciato anche altri soggetti affinché non permanessero in tali luoghi per evitare sovraffollamento di homeless, poveri e quindi riduzione degli incassi. La vittima riferiva, inoltre, che l’aggressore non era riuscito nel suo intento criminale grazie all’intervento di un altro uomo, frequentatore anch’egli di quei luoghi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il poliziotto si prontava a raccogliere, sul posto, informazioni utili al fine di ricostruire meglio fatti e circostanze, prendendo contatti anche con chi, il giorno prima, aveva assistito alla scena ed era intervenuto durante l’aggressione. Nel corso della conversazione, giungeva nei pressi proprio G.M. che veniva subito indicato come l’autore del reato; il poliziotto, dunque, procedeva ad identificarlo e, tramite la locale sala operativa della Questura, richiedeva l’intervento di una Volante in ausilio; pertanto il G.M. veniva indagato sul posto in stato di libertà.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Incidente sulla Palermo-Catania, illeso il cantante neomelodico De Martino: morto un 60enne

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Arrestato anche il secondo rapinatore della gioielleria di via Umberto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento