menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Piazza Verga, protesta del personale infermieristico davanti al Tribunale

La carenza del personale sanitario nelle aziende siciliane, gli alti carichi di lavoro e il contratto nazionale bloccato sono alcuni dei motivi che hanno spinto il sindacato Cni - Fsi a manifestare

Un centinaio gli infermieri del sindacato C.n.i. – F.s.i. che ieri mattina sono scesi a protesta davanti al Tribunale di Catania- sezione Lavoro, sulle problematiche del personale infermieristico.

“Il lavoro è un diritto previsto dalla Costituzione – spiega Calogero Coniglio, coordinatore regionale del CNI-FSI – chiediamo al Giudice e al Presidente del Lavoro di anticipare l’udienza in merito al ricorso da noi presentato sulla stabilizzazione del personale sanitario infermieristico precario dell’Azienda Ospedaliera Universitaria “Policlinico Vittorio Emanuele”, e confidiamo nella positività della sentenza che darà quindi una possibilità di lavoro a tutti. La nostra manifestazione si rivolge anche alla Regione, alla quale chiediamo di sbloccare immediatamente le due graduatorie del concorso regionale per infermieri”.

Il blocco delle assunzioni, infatti, con circolare assessoriale n.8514 del 21.11.2012, impone alle aziende sanitarie siciliane di non procedere alle assunzioni a tempo indeterminato per la copertura di posti vacanti, prima di aver definito le procedure di ricollocazione delle eventuali eccedenze.

“La carenza infermieristica nelle 17 aziende dell’isola è cronica – continua Coniglio - da una nostra ricognizione si è evidenziato che mancano circa 1000 infermieri in Sicilia”.

La carenza del personale sanitario nelle aziende siciliane, gli alti carichi di lavoro e il contratto nazionale bloccato fanno temere alla categoria di non fruire delle ferie estive per carenza di infermieri e del personale di supporto.

“Il ministro Gianpiero D’Alia qualche giorno fa ha dichiarato che non rinnoverà i contratti nazionali del lavoro del pubblico impiego, sostiene, infatti, che non ci sono le risorse e ci sono altre priorità – conclude Coniglio - Se i cittadini italiani potessero scegliere le priorità, sceglierebbero di sostenere gli infermieri e la salute. Non accettiamo più un Governo che sta trasformando lentamente la sanità pubblica in privata”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Alimentazione

Ingrassare: i periodi nei quali lo si fa 'naturalmente'

Giardino

Piante: perchè tenere in casa la Dracaena Fragrans

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Confcommercio Fipe: "Basta dall'1 febbraio riapriamo"

  • Formazione

    Lavoro: le figure professionali più ricercate dalle aziende

  • Meteo

    Meteo, da una inusuale estate all'inverno in solo 7 giorni

Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento