menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto Andrea Di Grazia

Foto Andrea Di Grazia

Piazza Vittorio Emanuele, pudichi fedeli coprono le generose grazie del cavallo

Secondo un lettore, presente all'esilarante evento, il Sindaco ha pregato i presenti di riportare l'opera d'arte alle sue "origini" e di togliere il fercolo realizzato sopra gli attributi della statua

I “prosperosi” attributi del cavallo di piazza Vittorio Emanuele non sono piaciuto ai devoti della Madonna del Carmine che ieri, durante la processione hanno deciso di coprirli con un telone di velluto e di trasformare le enormi grazie della statua in un altarino.

Ne ha passate di tutti i colori il povero “stallone ferito”, la celebre scultura realizzata dall’artista Francesco Messina di Linguaglossa.

Come riporta il “Corriere del Mezzogiorno” alcuni fedeli hanno pensato bene di coprire l’intera statua con un lungo drappo rosso per nascondere gli attributi dell’equino raffigurato nel momento della caduta: quanto basta a scandalizzare i più ferventi devoti che già in passato hanno compiuto gesti analoghi snobbando l’opera d’arte dello scultore siciliano.

Così, nel giro di pochi minuti, la statua è stata trasformata in un altarino improvvisato con tanto di statuetta sacra, immaginette e addobbi floreali.

Secondo un lettore, presente all’ esilarante evento, il sindaco ha pregato i presenti di riportare la statua alle sue “origini” e di togliere il fercolo realizzato dai pudichi fedeli

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Giardino

Piante: perchè tenere in casa la Dracaena Fragrans

Alimentazione

Ingrassare: i periodi nei quali lo si fa 'naturalmente'

social

Bonus Tv 2021: come richiederlo ed ottenerlo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Confcommercio Fipe: "Basta dall'1 febbraio riapriamo"

  • Formazione

    Lavoro: le figure professionali più ricercate dalle aziende

  • Meteo

    Meteo, da una inusuale estate all'inverno in solo 7 giorni

Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento