Picchia l'ex compagna per riprendersi la casa e il figlio: arrestato

I carabinieri di Trecastagni hanno arrestato un 26enne di Pedara per maltrattamenti in famiglia e lesioni personali. Al loro arrivo i militari hanno trovato l'appartamento devastato

I carabinieri di Trecastagni hanno arrestato un 26enne di Pedara per maltrattamenti in famiglia e lesioni personali. L’operatore del 112 Nue è stato avvertito da una giovane 23enne madre di un bambino di 4 che, allarmata dalle minacce subite dal suo ex compagno di 26 anni e dai suoi tentativi di sfondare la porta casa, ha immediatamente chiesto telefonicamente aiuto. I militari al loro arrivo hanno constatato che l’appartamento in uso alla donna era devastato, con tutte le suppellettili rotte e quest’ultima, in evidente stato d’agitazione, era dolorante alla spalla destra, motivo per il quale è stata trasportata presso il pronto soccorso dell’ospedale di Acireale dove i medici le hanno diagnosticato una “algia alla scapola dx”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dalle immediate attività d’indagine è emerso che la coppia da lungo tempo aveva allacciato una relazione sentimentale costantemente caratterizzata però, sin dal 2011 e anche durante il periodo della successiva convivenza, dai continui tradimenti dell’uomo e dal suo comportamento violento e vessatorio nei confronti della compagna. La donna, in particolare, in più d’una occasione aveva evitato di denunciarlo per non compromettere il loro rapporto. L’uomo, infine, ha abbandonato la casa familiare avendo intrapreso l’ennesima nuova relazione amorosa ma pretendendo, però, la presenza con lui del figlio. Ecco che pertanto, per prendere il bambino, si è presentato presso l’abitazione, pretendendo anche di viverci insieme alla nuova compagna, accompagnato dai propri nonni e dalla sorella. La giovane, nonostante i tentativi di sfondare la porta dell’uomo ma confortata dalla presenza dei congiunti di quest’ultimo, ha aperto in buonafede la porta dando invece la possibilità all’ex compagno di sputarle più volte addosso, picchiarla e distruggere ogni cosa, quindi di allontanarsi con il bambino. I militari pertanto, dopo aver riscontrato le dichiarazioni della ragazza, si sono recati presso l’abitazione pedarese dell’ex compagno che, espletate le formalità di rito, è stato posto agli arresti domiciliari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza regionale sul Coronavirus: obbligo di mascherina e più controlli

  • Coronavirus, casi positivi al Cutelli e alla Livio Tempesta: studenti e personale in quarantena

  • Carabiniere preso a calci e pugni ad un posto di blocco da un 39enne

  • Incidente in Tangenziale, traffico in tilt: un ferito grave

  • Coronavirus, un positivo sul volo Milano-Catania: appello dell'Asp ai passeggeri

  • Operazione antidroga, sequestrati 1.300 chili di marijuana: 6 arresti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento