Domenica, 25 Luglio 2021
Cronaca

Picchia la madre, la sorella e la giovane fidanzata: arrestato

I carabinieri della stazione di Pedara hanno arrestato un 21enne del posto

I carabinieri della stazione di Pedara hanno arrestato un 21enne del posto, ritenuto responsabile di maltrattamenti in famiglia. Nel corso della serata di ieri, ai militari è giunta la telefonata di una cittadina pedarese che, allarmatissima, ha avvvertito il militare di servizio che un giovane stava picchiando in strada una ragazza, sbattendole anche la testa su un’autovettura posteggiata. L’attivazione della pattuglia è stata immediata ma al suo arrivo l’equipaggio ha trovato soltanto il ragazzo che comunque, ferito al volto, ha loro confermato d’aver appena litigato con la fidanzata ventenne. Per sincerarsi delle condizioni della ragazza i militari sono entrati all’interno dell’appartamento occupato dalla giovane coppia convivente, trovando la giovane scossa e con evidenti segni di percosse poi riscontrate dal personale intervenuto del 118  quali “ematoma nella parte dx della fronte, ecchimosi alle mani, ecchimosi nella gamba sinistra, ecchimosi multiple alla coscia, ginocchio e gamba dx compatibili da calci”, con una relativa prognosi di 20 giorni.

I militari si sono lungamente soffermati a parlare con la vittima scoprendo che, a causa dell’indole violenta del fidanzato, era stata già più volte in passato oggetto di violenze e che quest’ultimo episodio era stato generato da un messaggio di lavoro ricevuto sul suo cellulare da parte di un cliente che, stante la sua attività di baby-sitter, concordava con lei un turno di assistenza per il figlio. Il giovane inoltre, che sarebbe solito far uso di sostanze stupefacenti, è stato trovato in possesso dai militari di una dose di marijuana nascosta all’interno della sua scarpa, la qual cosa ha comportato la sua segnalazione alla Prefettura quale assuntore. E’ stato pertanto arrestato dai militari e posto agli arresti domiciliari in un’abitazione di Catania in attesa delle determinazioni dell’Autorità Giudiziaria, soluzione adottata a seguito della sorpresa che hanno avuto al momento d’informare dell’accaduto la madre, che abita invece a Nicolosi. La donna, infatti, non ha fornito la propria disponibilità ad accogliere il figlio agli arresti domiciliari, aggiungendo che lei stessa e l’altra figlia erano già state in più occasioni oggetto di violenze fisiche poste in essere da quest’ultimo che tra l’altro, nei momenti di tensione, era solito distruggere ogni cosa all’interno dell’abitazione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Picchia la madre, la sorella e la giovane fidanzata: arrestato

CataniaToday è in caricamento