Picchiava i passanti per rapinarli, in carcere 44enne

I carabinieri di Calatabiano hanno arrestato Carmelo Mobilia ritenuto responsabile di lesioni aggravate e tentata rapina

I carabinieri di Calatabiano hanno arrestato il 44enne Carmelo Mobilia in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip del Tribunale di Catania, in ordine ai reati di tentata rapina aggravata, lesioni personali aggravate e violenza privata. Le indagini, coordinate dai magistrati della Procura della Repubblica di Catania, hanno evidenziato come l’uomo lo scorso 11 gennaio, sotto l’effetto di sostanze alcoliche, peraltro assunte volontariamente, a scopo di rapina bloccava l’autovettura da un imprenditore 57enne del luogo, lo trascinava fuori dall’abitacolo per colpirlo con calci e pugni, evento non verificatosi per l’intervento di un nipote della vittima che mettendosi a gridare aveva fatto fuggire il malvivente. Successivamente, replicava la condotta criminosa in danno di alcune persone: prima un 58enne del posto, preso a calci e pugni in mezzo alla strada senza alcuna motivazione apparente, e dopo prendendosela con un 28enne di Giarre, costretto a forza ad uscire da un locale pubblico dove stava festeggiando il proprio compleanno con la fidanzata.

Grazie alla testimonianze rese dalle vittime e ad una serie di approfondimenti investigativi, i carabinieri sono riusciti a configurare a carico dell’indagato un quadro probatorio che non ha lasciato alcun dubbio al giudice che, accogliendo la proposta avanzata dal magistrato titolare del fascicolo, ne ha ordinato l’arresto e la reclusione nel carcere di Catania Piazza Dante.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

Torna su
CataniaToday è in caricamento