Piedimonte Etneo, in gara i lavori per contrastare gli allagamenti nel centro abitato

Gli interventi previsti includono anche un trattamento di prima depurazione e lo scarico in modo controllato nel torrente Fogliarino

Scatta sempre lo stato stato di massima allerta a Piedimonte Etneo in occasione di piogge particolarmente intense. Colpa di una strada con forti pendenze - la statale 120 - che attraversa il paese da est a ovest e che si trasforma in un fiume in piena assolutamente fuori controllo. Una situazione in grado di mettere a serio rischio l'incolumità di automobilisti e passanti, ma anche di chi resta chiuso nelle proprie abitazioni, spesso invase dall'acqua. Soprattutto tra la via Cassini e la via Notara, nella via Roma e nella via Bellini, fino a via Nuova del Convento e via Cimitero, in passato si sono vissuti momenti di fortissima apprensione.


Diventa, dunque, fondamentale intervenire creando un sistema di captazione delle acque piovane e ciò, adesso, sarà possibile grazie all'intervento dell'Ufficio contro il dissesto idrogeologico, guidato dal presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, che per la realizzazione delle opere necessarie ha stanziato oltre sei milioni di euro. Dalla struttura commissariale, diretta da Maurizio Croce, è già arrivato il via libera alla gara che dovrà aggiudicare i lavori e che si concluderà il prossimo 18 marzo. Oltre a consentire l’imbrigliamento delle acque, attraverso la realizzazione di una rete di grate e di condotte di convogliamento, gli interventi previsti includono anche un trattamento di prima depurazione e lo scarico in modo controllato nel torrente Fogliarino. Ciò consentirà di scongiurare fenomeni di inquinamento nello specchio di mare nel quale il corso d'acqua si riversa

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento