Piromani in manette: arrestati due fratelli di Grammichele

Nella notte tra il 17 ed il 18 luglio del 2015 in via Piave a Grammichele divampò un incendio di vaste proporzioni che coinvolse 13 autovetture parcheggiate dinanzi un’officina meccanica

Nella notte tra il 17 ed il 18 luglio del 2015 in via Piave a Grammichele divampò un incendio di vaste proporzioni che coinvolse 13 autovetture parcheggiate dinanzi un’officina meccanica.

Sul posto, oltre ai carabinieri della locale stazione, intervennero i vigili del fuoco di Caltagirone che riuscirono a domare le fiamme evitando ulteriori conseguenze. I primi rilievi eseguiti sul luogo dell’incendio permisero ai militari di recuperare una calzatura e delle bottiglie di plastica contenenti tracce di benzina.

La successiva analisi delle immagini registrate dalle telecamere di sicurezza attive in zona, consentirono di identificare i due piromani che, proprio un’ora prima del misfatto, si erano fermati con la propria auto presso il distributore Eni di via De Pretis dove avevano riempito le bottiglie di benzina e, come si vide chiaramente nelle immagini, uno dei due indossava le calzature identiche a quella ritrovata sul luogo dell’incendio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le prove raccolte, sottoposte al vaglio dell’Autorità Giudiziaria, hanno consentito in prima battuta l’arresto su ordinanza di custodia cautelare in carcere di Emanuel Di Stefano, catturato a Milano il 6 giugno scorso e ieri del fratello Frenk Di Stefano,  a cui il provvedimento è stato notificato nel carcere di Sciacca (AG) dov’è ristretto per altra causa. Per entrambi l’accusa è di incendio doloso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Gestivano piazze di spaccio e furti di carburante nel Catanese, 11 arresti

  • Aumento esponenziale dei casi di Coronavirus, Randazzo è zona rossa

  • Coronavirus, in Sicilia contagi in aumento (+796): in provincia di Catania sono 211

  • Coronavirus: Musumeci avvia la linea del rigore ma con chiusure parziali

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento