Report a Bronte, le verità sul pistacchio Dop e la sua provenienza

Nel 2016 si sarebbero registrati 5 illeciti su 24 controlli posti in essere dalle autorità. In pratica alcune aziende utilizzerebbero altro pistacchio e non quello col marchio Dop mettendo però in etichetta il marchio

Ieri sera nella puntata di Report le telecamere della Rai hanno acceso i riflettori sulla città di Bronte e sul suo pistacchio Dop che nel 2009 è stato riconosciuto dall'Unione Europea. Nel 2016 si sarebbero registrati 5 illeciti su 24 controlli posti in essere dalle autorità. In pratica alcune aziende utilizzerebbero altro pistacchio e non quello col marchio Dop mettendo però in etichetta il marchio.

Nello stesso servizio viene menzionata anche l'azienda Bacco che è certificata dall'Istituto zooprofilattico Sperimentale della Sicilia per il confezionamento Dop.

Dall'azienda sottolineano come “meno della metà del pistacchio prodotto a Bronte abbia la denominazione di origine protetta perché i coltivatori sono registrati al consorzio, ma tutto il resto del pistacchio di Bronte non ha questa certificazione, tuttavia rimane pistacchio di Bronte”.

Nel servizio di Report si citano anche i pistacchi provenienti dalla Siria e Turchia, ma le etichette vengono approvate da un protocollo e quando viene scritto pistacchio di Bronte si dice il vero, infatti, il nome Bronte può essere utilizzato dalla linee guida del Ministero anche se il pistacchio non è del consorzio che ne certifica la denominazione di origine protetta.

Tutto questo avviene perché la produzione del pistacchio a Bronte è frazionata e non tutti i coltivatori sono registrati al consorzio perché spesso la produzione è quasi familiare.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Rimane il fatto che in etichetta quando c'è il marchio Dop, si tratta di pistacchio che proviene dai produttori registrati al consorzio di Bronte, quando invece c'è scritto solo pistacchio di Bronte si tratta sempre di pistacchio proveniente dalla città alla pendici dell'Etna, ma proviene da produttori non registrati al consorzio. Insomma occorre guardare con attenzione le etichette dei prodotti che vengono acquistati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollo auto 2020 - Come presentare la richiesta di esenzione e rimborso

  • Coronavirus e Dpcm, Musumeci: "Ci permettano di aprire fino alle 23 ristoranti, bar, pizzerie"

  • Conte firma nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata ordinanza di Musumeci

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Coronavirus, oggi la nuova ordinanza del presidente Musumeci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento