Benvenuto 2012: ecco i fatti "catanesi" più importanti del 2011

Per provare a riassumere tutto quello che di importante è accaduto a Catania e provincia, le parole chiave potrebbero essere: "Etna", "Calcio Catania", "Laura Salafia", "Mondiali di Scherma" e..."CataniaToday"

A livello nazionale, le parole più cercate nel 2011, sono state "Simoncelli", "Danza Kuduro", "iPhone 5", "Groupon", "Censimento 2011", "iPad 2". Per provare a riassumere tutto quello che di importante è accaduto, invece, a Catania e provincia, le parole chiave potrebbero essere: "Etna",  "Calcio Catania", "Laura Salafia", "Maltempo", "Mondiali di Scherma" e..."CataniaToday".

etna_1_originalTra i protagonisti indiscussi del 2011, non poteva certo mancare l'Etna con le sue continue eruzioni. In tutto 18, tra cenere, terremoti e ritardi aerei. I Comuni e la Provincia di Catania a seguito dell'ATTIVITA' ERUTTIVA DELL'ETNA, hanno fatto e stanno facendo i conti con ingenti costi da sostenere per rimuovere le grandi quantità di cenere ricadute. Giarre ed Acireale tra le più colpite.

 

 

 

Il Sindaco Stancanelli ha risolto l'INCOMPATIBILITA' tra la carica di parlamentare e quella di sindaco decidendo di restare a Palazzo degli Elefanti.

MONDIALI DI SCHERMA: Paolo Pizzo si è laureato campione mondiale di spada nella sua città in occasione dei campionati iridati disputati a Catania: un'impresa sportiva resa più esaltante dalla vicenda umana dello schermidore, capace di vincere un tumore che gli era stato diagnosticato quando aveva 13 anni.

catania-maxi-lopez-2Per il CALCIO CATANESE è stato un 2011 pieno di soddisfazioni. Il derby, massima sintesi della rivalità tra Catania e Palermo, ha sempre premiato i colori rossazzurri: 4-0 e 2-0. Gli etnei si sono regalati altre gioie speciali: il 2-2 in rimonta a Torino contro la Juventus con punizione di Lodi allo scadere e il 2-1 casalingo contro l'Inter dello scorso ottobre rappresentano i momenti più significativi. Una soddisfazione che - al passo con i tempi- ha preso d'assalto i social network: alcuni dei giocatori del Palermo - i più conosciuti - sono rimasti vittima di uno scherzo collettivo sulle pagine Facebook e sulle "bacheche" dei tifosi catanesi. Il capitano rosanero, ma anche i difensori centrali argentini Silvestre e Cetto, al termine della partita, si sono fatti immortalare spontaneamente in compagnia di tifosi catanesi sorridenti e festanti, alcuni dei quali indicavano con le dita anche il risultato del derby, 2-0 per il Catania.Il ritorno di Laura Salafia nella sua città: "Finalmente a casa"
"

Potrebbe interessarti: https://www.cataniatoday.it/cronaca/laura-salafia-ritorno-5-dicembre-2011.html
Seguici su Facebook: https://www.facebook.com/pages/CataniaToday/215624181810278

laura salafia-2E ancora, il ritorno nella sua città di LAURA SALAFIA. Dopo il suo commovente appello, la città si è mobilitata per farla tornare. Il ritorno di Laura Salafia nella sua città: "Finalmente a casa"
"Finalmente il mio ritorno a Catania è il regalo più prezioso che io possa ricevere per Natale, torno a casa". Così ha dichiarato Laura Salafia. "Finalmente torno a casa - ha aggiunto - un'attesa che non avrei sperato in così poco tempo. Non me lo sarei mai aspettato, sono grata a Telecolor per la campagna che ha fatto per me, grazie a voi e al vostro lavoro dignitoso".

Potrebbe interessarti: https://www.cataniatoday.it/cronaca/laura-salafia-ritorno-5-dicembre-2011.html
Seguici su Facebook: https://www.facebook.com/pages/CataniaToday/215624181810278

 

 

Il 2011 si chiude, purtroppo, con un fatto delittuoso che vede ancora una volta una giovane ragazza vittima del gesto folle di un fidanzato rifiutato. Un delitto passionale che ha colpito Licodia Eubea, buttando nell'angoscia due stefania noce-3-3famiglie: quella di STEFANIA NOCE e del nonno, brutalmente accoltellati e quella di Loris Gagliano- un ragazzo apparentemente tranquillo - che nascondeva una follia omicida. Per ricordare, Stefania Noce, riportiamo un post scritto da una sua collega che la descrive nella sua semplicità. "Eri davvero una bella persona Stefania Come il mondo ne fa poche. E a soli ventiquattro anni non si può morir d'amore. Ma quello non è amore sai? Quella è solo rabbia cieca, violenza, stupidità disumana. Quella è la bestia nel cuore di ognuno di noi, che tu hai dovuto affrontare da sola, faccia a faccia, disarmata“.

 

 

E, vogliamo concludere questa breve storia del 2011 catanese, con l'arrivo di CATANIA TODAY...da giugno, siamo entrati nell'informazione etnea e siete in tanti a seguirci. Grazie e Buon 2012!

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

  • Bancarotta fraudolenta, sotto sequestro 3 ristoranti: arrestato il titolare del "Cantiniere"

  • Ritrovato cadavere di un uomo carbonizzato: indagano i carabinieri

Torna su
CataniaToday è in caricamento