Cronaca

Vittima liberata dal pizzo a Biancavilla, arrestati i due estortori

I militari appostati nelle immediate vicinanze del Bar "Le Carillon" di Biancavilla, hanno osservato gli spostamenti dei due soggetti che incontravano la vittima dell'estorsione

Arrestato a Biancavilla Giuseppe Amoroso, conosciuto come “Pippo l’avvocato”, sorvegliato speciale e Gregorio Gangi. Il primo arrestato è ritenuto esponente di spicco del clan “Toscano – Tomasello - Mazzaglia”, attivo nel comune di Biancavilla e considerato articolazione della famiglia catanese “Santapaola-Ercolano”. Amoroso, in quanto sorvegliato speciale risponderà anche dell’aggravante prevista dal codice antimafia (art.71 D.Lgs. 159/2011).

A seguito di mirata attività info-investigativa, i militari appostati nelle immediate vicinanze del Bar “Le Carillon” di Biancavilla, hanno osservato gli spostamenti dei due soggetti che incontravano la vittima dell’estorsione per discutere i termini dell’attività illecita.

I militari hanno accertato che la vittima veniva intimata a consegnare a titolo di “protezione” una somma di denaro con frequenza mensile o in alternativa di trasferire gli interessi commerciali in altra sede.

I carabinieri del nucleo operativo a questo punto davano inizio all’operazione: simulando un incidente tra l’auto civetta e lo scooter con a bordo i due soggetti, li bloccavano in via Vittorio Emanuele a Biancavilla, annullando quindi ogni possibilità di fuga, garantendo al contempo una cornice di sicurezza.

Dopo qualche minuto sono intervenute la pattuglie della compagnia carabinieri di Paternò. I militari, a seguito di perquisizione personale, hanno sequestrato la somma di 1100 euro probabile provento di attività delittuosa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vittima liberata dal pizzo a Biancavilla, arrestati i due estortori

CataniaToday è in caricamento