menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rave party alla Playa, i carabinieri si imbucano ed arrestano spacciatore

Avendo saputo dell’organizzazione di un evento musicale che per l’intera notte del 2 giugno avrebbe attirato molti giovani, gli uomini della squadra “Lupi” mescolandosi tra i clienti hanno potuto partecipare all’evento

I carabinieri del comando provinciale di Catania hanno arrestato un 26enne di Licata, poiché ritenuto responsabile di spaccio e detenzione illecita di sostanze stupefacenti. Avendo saputo dell’organizzazione di un evento musicale che per l’intera notte del 2 giugno avrebbe attirato una moltitudine di giovani, al fine di scongiurare l’abuso di sostanze stupefacenti che mischiate all’alcol creano negli assuntori un mix devastante con conseguenze a volte nefaste, gli uomini della squadra “Lupi” mescolandosi tra i clienti hanno potuto partecipare all’evento.

I militari, posizionandosi nelle zone nevralgiche del locale, durante la notte hanno potuto notare come molti giovani, sollecitati dalla musica assordante alzassero le braccia al cielo mostrando in mano la dose di droga o la pasticca che da lì a poco sarebbe stata consumata.

Scoperta la fonte di rifornimento della droga, gli operanti hanno cercato il momento opportuno per bloccarla anche se questa vedendosi scoperta ha aggredito i carabinieri i quali, dopo un violento corpo a corpo, sono riusciti ad ammanettarla. Ispezionando tutti i luoghi dove lo spacciatore era stato visto muoversi e sottoponendolo a perquisizione personale, i militari sono riusciti a rinvenire e sequestrare oltre 200 dosi di diverse sostanze stupefacenti quali cocaina, hashish, marijuana, ketamina e circa 100 pasticche tra ecstasy e anfetamina. L’arrestato, ammesso al rito per direttissima, è stato collocato dal giudice agli arresti domiciliari.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

A Catania arriva PonyU Express: per negozianti e privati

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento