Agguato alla Playa, l'imprenditore Francesco Carlino torna a lavoro

Lo scorso 30 maggio l'uomo è stato ferito gravemente da cinque colpi di pistola alla schiena, alle gambe e all'addome. La solidarietà di Confindustria: "Supporto dell'associazione alla piena ripresa dell'attività"

L’imprenditore catanese, Francesco Carlino, rimasto vittima di un agguato, lo scorso 30 maggio, per l’aggiudicazione dell’appalto per la gestione di una delle spiagge libere del lungomare Playa, è tornato al lavoro.

La notizia è stata diffusa da Confindustria dopo un incontro con Carlino durante il quale, il presidente Domenico Bonaccorsi gli ha “espresso a nome di tutti gli industriali solidarietà vicinanza, assicurando il necessario supporto dell’associazione alla piena ripresa dell’attività”.

Al momento dell’agguato, l’imprenditore stava curando personalmente il montaggio delle cabine nella prima spiaggia libera numero uno della Plaia che il Comune di Catania fa installare ogni estate. Carlino rimase ferito gravemente da cinque colpi di pistola alla schiena, alle gambe e all’addome .

Testimoni del ferimento i carabinieri della stazione mobile che stavano gestendo il traffico veicolare in quella zona. Una circostanza che permise ai militari di arrestare l’esecutore dell’agguato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento