Policlinico, assemblea Flc Cgil, Fsi e Nursind sulla gestione dei parcheggi

“C’è anche un problema di sicurezza per i lavoratori: impensabile che di notte si debba lasciare l’auto in luogo incustodito, buio e per di più ad alcune centinaia di metri dai diversi reparti”

Ritiro del bando di assegnazione aree parcheggi, convocazione di una riunione in Prefettura alla presenza del Direttore generale dell’azienda e il Rettore dell’Università, mentre da subito è stato proclamato lo stato di agitazione dei lavoratori. Questi in sintesi i temi affrontati dall’assemblea dei lavoratori indetta dai sindacati Flc Cgil, Fsi-Usae e Nursind con all’ordine del giorno la gestione dei parcheggi all’interno del Policlinico di Catania.

C’è un problema di sicurezza per i dipendenti, che sono costretti a parcheggiare al di fuori della struttura, in un multipiano a qualche centinaio di metri, lontano, accessibile a malintenzionati, ma anche di tariffe esose e ingiuste per gli utenti, costretti a pagare fino a 7 euro al giorno per una visita in ambulatorio.

“E’ impensabile che di notte debbano lasciare l’auto in luogo incustodito, buio e per di più ad alcune centinaia di metri dai diversi reparti” ha esordito Adriana Aloisi, componente della segreteria provinciale, responsabile del comparto FLC CGIL. “Quanto agli utenti, è profondamente ingiusto. Il Policlinico – ha aggiunto – non è un centro commerciale, ma un luogo di cura e sofferenza, la direzione riveda tariffe e l’assegnazione delle aree”.

La segretaria generale della Flc Cgil Catania, Antonella Distefano ha sottolineato come la questione dei parcheggi sia di grande valenza sociale sia per gli utenti della struttura sanitaria che per i lavoratori, cui il sindacato starà accanto. Di motivazione grave, urgente e discriminatoria hanno parlato i rappresentanti delle sigle sindacali, pronti a forme di protesta più gravi.

“E’ impensabile che la Direzione abbia fatto un bando per l’assegnazione delle aree senza chiedere un confronto con i lavoratori, per questo ne chiediamo la immediata revoca” hanno dichiarato Salvatore Vaccaro e Marco Di Bartolo, rispettivamente segretario e rappresentante aziendale NURSIND. “L’amministrazione prenda atto di questa protesta e chieda la convocazione di un tavolo di concertazione –proseguono – per trovare una soluzione adeguata”. “Il bando scadrà il 19 ottobre, se la direzione non lo revoca immediatamente, saremo pronti ad iniziare sit-in e scioperi ad oltranza – ha sottolineato Calogero Coniglio segretario FSI-USAE –non ci battiamo solo per un problema logistico e di sicurezza ma anche per gli utenti perché sottoposti giornalmente ad un salasso”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

All’incontro con la direzione, invece, è stato stabilito che il parcheggio sarà gratuito per i dipendenti, decisione che dovrà però essere formalizzata

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Conte firma nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata ordinanza di Musumeci

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

  • Coronavirus, oggi la nuova ordinanza del presidente Musumeci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento