Policlinico, straordinari e aumenti in ritardo per mille dipendenti

Il Nursind, sindacato degli infermieri, chiede adesso l’intervento del presidente della Regione, Nello Musumeci e dell’assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza, per chiedere di sbloccare la vertenza

Ancora in ritardo il pagamento degli straordinari e l’applicazione degli aumenti contrattuali per mille dipendenti del policlinico Vittorio Emanuele di Catania. Il Nursind, sindacato degli infermieri, chiede adesso l’intervento del presidente della Regione, Nello Musumeci e dell’assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza, per chiedere di sbloccare la vertenza.

“L’attuale amministrazione del policlinico – scrive il segretario aziendale Marco Di Bartolo - non paga gli straordinari ai lavoratori del ruolo sanitario che nei mesi di novembre e dicembre 2018 con spirito di sacrificio hanno lavorato durante i loro riposi, in reperibilità notturna e durante i festivi. Inoltre la Direzione generale tiene in sospeso circa mille dipendenti negandogli un aumento stipendiale del quale, già dal 2018, avrebbero dovuto beneficiare, cioè la fascia economica. Il 18 aprile i lavoratori si sono riuniti in assemblea e hanno deciso che se non saranno emessi i pagamenti e non sarà assicurato l’aumento di fascia economica, si dichiarerà lo stato di agitazione e conseguenti una o più giornate di sciopero. Inutile sottolineare che con l’attuale e cronica carenza di organico uno sciopero, anche di limitata adesione, potrebbe avere effetti devastanti con impatto sulla collettività di Catania e provincia”.

Secondo il Nursind “la colpa di questo sciopero, oltre che ricadere sull’attuale amministrazione del policlinico che è sorda alle nostre legittime richieste, porterà a inevitabile presa di coscienza della cittadinanza che potrebbe ravvisare anche una “responsabilità politica” a carico di questa Presidenza. Non è nostra intenzione arrivare allo scontro e pertanto chiediamo il suo intervento per mettere fine a questo inutile braccio di ferro che la Direzione generale ha ingaggiato con i lavoratori”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

Torna su
CataniaToday è in caricamento