menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Le infiltrazioni della mafia all’interno della “Fera o Luni”: sequestro di beni per Pantellaro

Sequestro di beni a carico di Giovanni Pantellaro, figura apicale della consorteria mafiosa “Cappello - Bonaccorsi”, riconosciuto da diversi collaboratori di giustizia quale responsabile del clan

Ennesimo sequestro della polizia e della Procura della Repubblica nei confronti di indiziati mafiosi di Catania. Nei giorni scorsi, infatti, si è data esecuzione alla misura di prevenzione patrimoniale del sequestro di beni, ai sensi del Codice antimafia, emesso dal Tribunale - Sezione Misure di Prevenzione, a carico di Giovanni Pantellaro, di anni 57, pluripregiudicato in atto detenuto, appartenente alla cosca mafiosa “Cappello-Carateddi”. Nello specifico, è stato disposto il sequestro di prevenzione ai fini di confisca di 3 imprese individuali nel settore dell’abbigliamento e casalinghi, con stazionamento fisso presso lo storico e giornaliero mercato all’aperto della Fiera di Piazza Carlo Alberto, esercitate con autorizzazioni amministrative di “tipo A”, rilasciate dal comune di Catania nel 2013 (a terzi), nel 2015 (allo stesso) e nel 2017 (a familiare convivente), le cui attività commerciali sono state ritenute riconducibili al Pantellaro.

Le immagini del sequestro - Video

Il decreto prevede, altresì, il sequestro di 3 immobili: 1 villetta in zona Ippocampo-San Francesco alla Rena (acquistata nel 2012), un appartamento e un garage zona Viale Rapisardi (acquistati nel 2016) nonché dei saldi attivi di diversi rapporti bancari/finanziari, formalmente intestati a familiari, ma riconducibili a Pantellaro.

La complessa attività di analisi sviluppata da Procura-Questura ha permesso di riscontrare, per la prima volta, le infiltrazioni della criminalità organizzata catanese all’interno dello storico mercato della cosiddetta “Fera o Luni” di Catania, evidenziando l’interesse dell’organizzazione mafiosa a mantenere il controllo di determinate attività commerciali di vario genere, acquisendo autorizzazioni e concessioni amministrative intestate anche a terzi.

L’attività d’indagine ha inizialmente riguardato l’attuale e qualificata “pericolosità sociale” di Giovanni Pantellaro, figura apicale della consorteria mafiosa “Cappello - Bonaccorsi”, essendo riconosciuto da diversi collaboratori di giustizia quale responsabile del clan, in particolare del gruppo organizzato e diretto da Salvo Salvatore Massimiliano, inteso “Massimo u Carruzzeri” (in atto ristretto al 41 bis O.P.), per aver preso il posto di  Salvatore Giuseppe Lombardo, detto “Salvuccio u Ciuraru”, dopo l’arresto di quest’ultimo.

La “pericolosità sociale” dell'uomo è stata ricavata dai suoi innumerevoli precedenti di polizia, in particolare, minaccia, lesioni personali aggravate, associazione per delinquere finalizzata al traffico di stupefacenti, associazione per delinquere finalizzata alla truffa e tentativo di truffa ai danni di compagnie assicurative.

Da ultimo, sono stati ricavati elementi utili dall’operazione antimafia “Camaleonte” del 23 giugno 2020, che ha comportato l’arresto di Giovanni Pantellaro, insieme ad altri numerosi esponenti del clan “Cappello-Bonaccorsi”, per i reati di associazione mafiosa. Sono stati esaminati, successivamente, gli investimenti effettuati da Pantellaro negli anni in cui si è manifestata la sua pericolosità sociale, dal 2012 al 2019, individuando contestualmente, in un quadro di evidente sperequazione, i beni acquistati e riconducibili al predetto nel periodo temporale individuato, assicurando la necessaria “correlazione” tra acquisizione e pericolosità sociale.

L’analisi dei flussi finanziari entrate-uscite, sviluppata dai “patrimonialisti” della Divisione Anticrimine e della Squadra Mobile ha evidenziato, anno per anno, nel periodo preso in considerazione, una forte sperequazione tra i redditi del proposto e del suo nucleo familiare e i beni, anche fittiziamente intestati a terzi, nella disponibilità di Pantellaro, che sono stati ritenuti frutto e reimpiego dei proventi delle attività illecite commesse dall’interessato in seno al clan mafioso di appartenenza.

Dai continui saldi negativi degli anni analizzati, in assenza di adeguate entrate lecite, il Tribunale - Misure di Prevenzione - recependo la proposta del Procuratore e del Questore ha ritenuto che, nel periodo in esame, Giovanni Pantellaro e il suo nucleo familiare abbiano ricavato vantaggi economici dagli illeciti traffici cui il predetto era dedito e che i beni acquisiti, poiché viziati sin dall’origine, vadano sottratti dal circuito dell’economia legale. Il valore dei beni sequestrati è stimato in almeno 500 mila euro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Bustine di gel di silice - Ecco a cosa servono

Salute

Stanchezza primaverile - Cause, sintomi e rimedi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento