Polizia postale di Catania scopre rete di pedofili, 250 vivono all'estero

Scovati un pensionato 65enne di Rimini, un operaio 34enne di Firenze, un 24enne disoccupato della provincia di Milano ed un 57enne disoccupato di Cuneo

L’attività di scambio di immagini e filmati di abuso sessuale di minori sul web non sembra, purtroppo, conoscere soste, come dimostrano le continue indagini condotte in questa direzione dagli investigatori etnei. La Procura Distrettuale di Catania ha coordinato una nuova operazione contro le pedopornografia on-line condotta dalla polizia postale di Catania e conclusasi con la denuncia di 5 italiani, di cui 1 tratto in arresto, e 250 stranieri segnalati alle autorità.

L’operazione denominata “Cloud 2”, fa seguito all’omonima operazione che nell’ottobre 2013 ha consentito di trarre in arresto 3 persone e di denunciarne 17, con il sequestro di materiale pedopornografico e l'individuazione di 1500 account di posta elettronica riconducibili a soggetti di diverse nazionalità, utilizzati per scambiare file multimediali.

Le attività investigative sotto copertura, condotte per oltre due anni sotto il costante coordinamento della procura catanese e seguendo gli standard operativi internazionali per il contrasto all’ "online child abuse", hanno consentito di scovare un pensionato settantacinquenne di Rimini, tratto in arresto in quanto nei suoi computer sono stati rinvenuti oltre 6000 video e 2000 immagini con minori, un operaio trentaquattrenne di Firenze (già con precedenti specifici), un ventiquattrenne disoccupato della provincia di Milano ed un cinquantasettenne disoccupato di Cuneo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La magistratura catanese ha contestato a tutti gli indagati il reato di detenzione di materiale pedopornografico. La certosina attività sottocopertura ha evidenziato gli stessi reati nei confronti di altri 250 soggetti stranieri. Tra loro, si registra la presenza di soggetti con età compresa tra i 18 ai 65 anni, con profili che saranno analizzati dagli investigatori delle forze di polizia dei vari paesi interessati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Incidente sulla Palermo-Catania, illeso il cantante neomelodico De Martino: morto un 60enne

  • Incidente stradale sulla Palermo-Catania, scontro tra un furgone e una Porsche: un morto e due feriti

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Arrestato anche il secondo rapinatore della gioielleria di via Umberto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento