Polizia postale, arrestato 59enne che divulgava materiale pedopornografico

In particolare, nella segnalazione è stata indicata una chat in cui un soggetto condivideva molteplici link che reindirizzavano all’interno di un servizio cloud in cui erano contenuti file di natura pedopornografica

Arrestato un 59enne disoccupato perché trovato in possesso di materiale pedopornografico che divulgava e scambiava sulla rete Internet. L’indagine ha avuto inizio a seguito di attività investigative della polizia postale di Catania, avviate da una segnalazione dell’Associazione Meter.

In particolare, nella segnalazione è stata indicata una chat in cui un soggetto condivideva molteplici link che reindirizzavano all’interno di un servizio cloud in cui erano contenuti file di natura pedopornografica. L’indagato utilizzava varie tecniche per proteggere la sua identità. Le complesse e articolate indagini informatiche della polizia postale di Catania hanno consentito di identificare il soggetto autore dei fatti reato, residente a Modena.

La Procura distrettuale di Bologna ha così delegato la polizia postale di Modena a eseguire una perquisizione domiciliare ed informatica emessa nei confronti dell’indagato che ha portato al rinvenimento di migliaia di immagini e video di pedopornografia. Il Gip del Tribunale di Modena ha convalidato l’arresto emettendo ordinanza di custodia cautelare in carcere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

Torna su
CataniaToday è in caricamento