menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ponte Gioeni, code e rallentamenti. Ma il piano viario regge

Primo giorno di lavori per abbattere il famoso ponte: incolonnamenti in viale Odorico Da Pordenone, via Caronda, via Pietra dell'Ova, via Federico Novelli, via Etnea nel tratto compreso tra Piazza Gioeni e l'incrocio con via Ingegnere. Vigili e volontari al lavoro

Sono cominciati alle 6 di questa mattina i lavori preliminari per l’abbattimento del Ponte Gioieni. Il piano viario alternativo ha creato delle inevitabili ripercussioni sulla circolazione, ma la situazione non è critica. Gli agenti della polizia municipale, insieme ai volontari della Protezione Civile, Sostare e tecnici dell’ufficio traffico, sono alle prese con lunghe code di auto in viale Odorico Da Pordenone, via Caronda, via Pietra dell’Ova, via Federico Novelli, via Etnea nel tratto compreso tra Piazza Gioeni e l’incrocio con via Ingegnere.

Nonostante i ripetuti avvisi dell’amministrazione, molti automobilisti provenienti da fuori Catania si sono riversati sul tratto di circonvallazione interessato dai lavori invece di scegliere un percorso alternativo. Molti i curiosi che scattano una foto ricordo con cellulare e I-pad, accostando col motorino o abbassando il finestrino in coda con il proprio mezzo.

Non tutti rispettano il divieto di transito in Piazza Gioeni e gli scooteristi più smaliziati aggirano il cantiere zigzagando tra le transenne. “Non so se l’abbattimento del ponte sarà o meno un fatto positivo, ma i catanesi sono sempre pronti a lamentarsi e fare di testa propria”, commenta un anziano residente della zona. “Mi scusi, ma cosa sta succedendo qui? Hanno cambiato il senso di marcia in via Etnea?”, chiede ad un vigile una giovane automobilista poco informata. “Io più che altro mi chiedo – commenta un passante - perché rimuoverlo così in fretta, dopo tutti questi anni di chiacchiere e promesse sul restauro…Non era né bello né caratteristico, il lato affettivo è relativo. Sono curioso di vedere quale sarà il risultato finale”.

I lavori dovrebbero durare due settimane, con operai in cantiere anche durante le ore notturne. Se la tabella di marcia sarà rispettata, la demolizione dovrebbe avvenire dal 10 al 12 agosto. Dopo occorreranno almeno altri due giorni per rimuovere i detriti e, subito dopo ferragosto, la situazione dovrebbe normalizzarsi nuovamente.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Attualità

McDonald’s, l’iniziativa "Sempre aperti a donare" arriva a Catania

Utenze

Rettifica della bolletta luce e gas: come richiederla

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Consiglio comunale, seduta straordinaria sull'emergenza Covid

  • Cronaca

    Nuovo furto alla "Campanella Sturzo" di Librino: è il quarto in due mesi

  • Cronaca

    Trasporta in un suv 7 chili di marijuana "skunk": arrestato

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento