menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il Pop Up Market rientra da Londra e traccia un bilancio "positivo" della missione

In attesa della prossima edizione, nuovamente "Made in Catania", che si terrà alla Pescheria il 26 e 27 settembre, l'organizzatrice Sarah Spampinato, traccia un bilancio di questa "missione" londinese rispondendo anche a qualche polemica che corre sul web. Anzi sui social

Il PopUpMarket ritorna a Catania dopo il successo registrato a Londra. Due giorni, il 29 e 30 agosto, durante i quali i "Londoners" hanno potuto conoscere ed apprezzare l'autentico "Made in Sicily", le nostre creazioni artigianali, artistiche, creative, ma anche enogastronomiche.

Abiti vintage, design, bijoux fatti a mano, accessori e complementi d'arredo nella filosofia dell'handmade e tra musica, moda e arte. Ma anche un angolo dedicato a food&wine, con vini e birre artigianali, conserve e marmellate e altre prelibatezze tutte siciliane.

In attesa della prossima edizione, nuovamente "Made in Catania", che si terrà alla Pescheria il 26 e 27 settembre, l'organizzatrice Sarah Spampinato, traccia un bilancio di questa "missione" londinese rispondendo anche a qualche polemica che corre sul web. Anzi sui social.

"Lo scorso mese, per l’esattezza il 29 e 30 agosto, abbiamo avuto l’onore di essere invitati dal management di Spitalfields Market E1 in Bishop Square a Londra, per l’organizzazione dell’evento 'PopupMarketSicily'. Una grande opportunità per una piccola associazione di creativi e artigiani come noi. Non abbiamo mai avuto la pretesa di rappresentare il made in Sicily, né tantomeno la pretesa di essere ambasciatori di chicchessia, se non di noi stessi. Forse per questo, al nostro rientro, siamo rimasti colpiti da una serie di inutili e provinciali polemiche ma soprattutto di insinuazioni, peraltro aggravate da illazioni totalmente prive di fondamento. Le critiche sono ben accette e persino gradite, purché veritiere, costruttive e rispettose del lavoro di decine di artigiani e creativi che, piaccia o no, investono lavoro e denaro per dar vita al Pop Up Market Sicily", spiega Sarah Spampinato.

"Ci teniamo a fare quindi alcuni chiarimenti : i membri dell’associazione Pop Up market Ct  - continua la nota - che hanno partecipato all’evento di Londra, lo hanno fatto autofinanziandosi interamente, spese di viaggio e spedizione della merce incluse. Ci sentiamo di ringraziare il Sindaco di Catania per i pubblici apprezzamenti che ci ha rivolto (fortunatamente non solo lui), ma precisiamo di non aver mai ricevuto alcun finanziamento, né da lui, né dal suo partito, né tantomeno dal Comune di Catania che ringraziamo comunque per aver promosso le nostre iniziative di cui il patrocinio è comunque del tutto gratuito. L’unica attività di finanziamento e promozione che conosciamo è la nostra, anche in occasione degli eventi organizzati a Catania. Ci risulta ancora più grave delle polemiche sopracitate , che un noto giornale online abbia pubblicato un articolo in cui si riportano soltanto i giudizi non certo lusinghieri di tre non meglio precisati turisti catanesi di passaggio a Londra; il tutto, peraltro, condito da una foto scattata nelle prime ore del mattino, ancora in fase di allestimento. Non abbiamo certo la pretesa di piacere a tutti (fortunatamente la BBC sembra aver gradito, come la stessa organizzazione londinese che ci ha già proposto di un secondo evento in calendario per la primavera 2016), ma da un giornale autorevole e solitamente attento a verificare le fonti, ci si sarebbe aspettato un sondaggio su un campione più ampio di intervistati o, quantomeno, l’invito a una replica. Neppure crediamo di essere i depositari della 'sicilianità', ma non possiamo consentire che il lavoro di decine di persone venga vanificato dall’attività denigratoria di alcuni o da articoli dai contenuti non compiutamente verificati. Per questo motivo, per la prima volta, abbiamo incaricato i nostri legali di intraprendere ogni opportuna azione a tutela della nostra reputazione e immagine. Non volendo concludere questa nota con toni così tesi, auspicando una pronta rettifica e ritrattazione ufficiale da parte degli autori, cogliamo l’occasione per esprimere la nostra gratitudine al nostro pubblico che ci sostiene e che non finiremo mai di ringraziare per la dedizione che in questi anni ci ha dimostrato".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

A Catania arriva PonyU Express: per negozianti e privati

Salute

Bromelina: cos'è, proprietà e benefici

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento