rotate-mobile
Cronaca

Porta Garibaldi e piazza Palestro, da luoghi turistici a simboli del degrado

E' quanto denuncia il consigliere Francesco Bassini che chiede di "ripristinare il presidio dei vigili urbani in zona". "Bottiglie rotte, rifiuti di vario genere e scritte contribuiscono a deturpare uno dei luoghi simbolo della città. I bagni pubblici di piazza Palestro - aggiunge - sono inoltre abbandonati"

Basta avvicinanarsi in prossimità di porta Garibaldi per trovare bottiglie rotte, rifiuti di vario genere, persino indumenti, magari lasciati nel corso della notte da qualche senza tetto. E tante scritte sui muri che contribuiscono a deturbare uno dei luoghi turistici della città. Se da lontano la porta d'ingresso del centro di Catania si presenta come un'icona, che emana luce e splendore, da vicino il monumento perde irrimediabilmente fascino. E lo scenario di degrado continua lungo piazza Palestro, dove i bagni pubblici, posti in prossimità della bambinopoli dove i bambini si recano per giocare, sono chiusi e abbandonati, con cattivi odori che fuoriescono di tanto in tanto creando un danno non solo di immagine, ma anche di rischio concreto alla salute di chi vive il posto.

PORTA GARIBALDI E PIAZZA PALESTRO PH - DAVIDE CAMPAGIORNI

Il consigliere Bassini denuncia lo stato complessivo nel quale versa questa zona della città. "Piazza Palestro e porta Garibaldi sono dei luoghi da tutelare e valorizzare" spiega. La battaglia che il consigliere intende portare avanti, sin dall'inizio della sua insediatura, è quella di "ripristinare il presidio dei vigili urbani in piazza Palestro, che era posto proprio nella parte inferiore della porta Garibaldi, con un ingresso che ancora oggi reca la targhetta affissa lungo le fondamenta dell'imponente muro". "La presenza dei vigili potrebbe fungere da controllo, contribuendo a ridare decoro e soprattutto sicurezza alla zona" precisa il consigliere.

Sulla situazione di piazza Palestro Bassini aggiunge: "Erano state istituite persino delle fontane centrali e ad oggi non sarebbero funzionanti per un guasto al motore centrale, secondo la versione ufficiale riportata. Un particolare questo che sommato al quadro generale della piazza - conclude Bassini - contribuisce ad alimentare un senso di abbandono nel quale versa la nostra circoscrizione. Chiediamo infatti più presenza e partecipazione da parte dell'amministrazione: porta Garibaldi e zone limitrofe sono beni da tutelare e non lasciare ne dimenticatoio".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Porta Garibaldi e piazza Palestro, da luoghi turistici a simboli del degrado

CataniaToday è in caricamento