Porticciolo Ognina, blitz dei Nas: sequestrati 600 chili di pesce

L'intervento è stato effettuato nel posto dove ogni domenica si posizionano diversi ambulanti abusivi che vendono prodotti vari. Il pesce decongelato, come accertato dai controlli, era venduto per fresco e non idoneo al consumo umano

Pesce decongelato venduto per fresco e non idoneo al consumo umano. Questo lo scenario che emerge dopo il controllo effettuato dai militari dei Nas, con i colleghi del comando provinciale dei Carabinieri di Catania, e i veterinari dell’Asp, presso il porticciolo di Ognina. Proprio qui infatti ogni domenica si posizionano diversi ambulanti abusivi che vendono pesce e prodotti vari.

Sequestrati, dopo il controllo effettuato ieri mattina, ben 600 chilogrammi di pesce. Accertate persino alcune violazioni amministrative. Alcuni ambulanti abusivi sono riusciti a fuggire e sul posto è rimasto pesce con rispettive bilance. Tra gli alimenti sotto osservazione pane e formaggi privi di etichettura.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

Torna su
CataniaToday è in caricamento