Porto, Girlando rassicura: "Erogazione idrica non verrà sospesa"

Da realizzare una nuova rete idrica e fognaria, dopo un contenzioso tra Sidra e Autorità Portuale che si protrae dal 2009. L'assessore al bilancio ha chiesto all'Autorità portuale "di formulare in tempi brevi alla Partecipata una proposta per risolvere il contenzioso"

La Sidra non sospenderà l'erogazione idrica nel porto di Catania, ad annunciarlo è l'assessore comunale al Bilancio, Giuseppe Girlando, al termine di un incontro svoltosi nel Palazzo Minoriti e presieduto dal Prefetto Maria Guia Federico, al quale hanno partecipato anche il presidente e il direttore della Sidra Emilio Giardina e Osvaldo De Gregoris, il commissario dell'Autorità portuale Giuseppe Alati e il direttore Davide Romano.

"Il Prefetto - ha dichiarato Girlando -, preso atto delle ragioni della Sidra, ha chiesto inoltre all'Autorità portuale di formulare in tempi brevi alla Partecipata una proposta per risolvere il contenzioso che ha portato a minacciare di sospendere la fornitura dell'acqua al Porto. E, grazie anche all'interlocuzione avviata dal Comune in questi giorni per smussare le asperità tra le parti, si è giunti a questa ipotesi di soluzione".

All'interno del Porto è stato accertato, a causa delle pessime condizioni della rete, di proprietà dell'Autorità portuale, si perdono cinque litri d'acqua per ogni litro fornito. La situazione era stata causa di un primo contenzioso che aveva condotto, nel 2009, a un accordo in base al quale il costo dell'acqua sprecata avrebbe dovuto essere spartito tra Sidra e Autorità portuale a patto che quest'ultima realizzasse una nuova rete idrica entro tre anni. Ciò non è avvenuto e inoltre l'Autorità portuale si è rifiutata di pagare non solo l'acqua sprecata, ma anche quella della normale fornitura.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento