Porto infestato dai topi, protesta dei pescatori al molo Crispi

"Adotta un topo anche tu" è lo slogan provocatorio dei pescatori che domani protesteranno davanti il molo Crispi, la zona maggiormente invasa dai ratti. Il sit-in segue un esposto alla Procura

Sit-in di protesta domani mattina al porto di Catania contro l’infestazione di ratti nella zona del molo Crispi, attorno ai grossi silos pieni di granaglie. A denunciare la grave situazione sanitaria sono i pescatori.

Un fenomeno per loro insostenibile, e che vogliono risolvere a colpi d'ironia: “Adotta un topo anche tu” è lo slogan del presidio di protesta, insieme a loro, il Comitato cittadino per la difesa del porto e della pesca.

Sarà un presidio animato - spiega Marcello Failla del Comitato a Italpress - con raffigurazioni di cartapesta sulle condizioni igienico-sanitarie del porto. In quella zona non ci sono bagni pubblici, né cassonetti della raccolta differenziata e neanche l'isola ecologica obbligatoria. Non si fa la pulizia: quello che c'è a terra resta a terra. E' un'area completamente abbandonata, anche se la frequentano ogni giorno un migliaio di pescatori”. Tanto lerciume che ha fatto proliferare i roditori: “al Molo Crispi non possiamo nutrirli tutti! Aiutaci” dicono ironicamente i manifestanti.

Il sit in segue un esposto alla Procura della Repubblica, presentato dal Comitato due settimane fa: "si è chiesto alla magistratura catanese - dice Failla - un intervento per appurare eventuali responsabilità penali in materia per la violazione delle normative igienico sanitarie nel molo Crispi".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per i manifestanti, inoltre, c'è anche il pericolo delle basole: molte sono rotte, la pavimentazione è sconnessa e questo costituisce un pericolo durante il loro lavoro. "I pescatori non ne possono più - conclude Failla - non possono continuare in queste condizioni. Chiediamo aiuto all'Autorità Portuale, con cui abbiamo avuto anche alcuni incontri senza mai nulla di concreto".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Gestivano piazze di spaccio e furti di carburante nel Catanese, 11 arresti

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Arrestato anche il secondo rapinatore della gioielleria di via Umberto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento