Sbarchi al porto tra rifiuti e danni ambientali: la denuncia del sindacato di polizia

Alessandro Berretta del Coisp, sindacato di polizia, chiede l'intervento della guardia costiera e dell'autorità portuale per evitare che i numerosi rifiuti rimangano in balia delle intemperie e si riversino in mare

E' il Coisp sindacato di polizia a denunciare la situazione creatasi al porto di Catania, causata dalla mancata e tempestiva raccolta, specie dopo i frequenti sbarchi dei migranti, in occasione dei quali si accumula un ingente quantitativo di rifiuti organici e non. “Si pensi – dichiara Alessandro Berretta segretario provinciale – alle numerosissime bottigliette di plastica e spazzatura varia che, spesso, a causa delle frequenti raffiche di vento che caratterizzano detta area, vengono trascinate in mare e dunque inquinano l'ambiente".

"Non solo, come noto, i pesci, le tartarughe marine e simili, - continua Berretta - possono confondere detto materiale tossico con il cibo, quindi ingerirlo e morire o, diversamente, i pesci che non muoiono entrano nel ciclo alimentare e finiscono sulle nostre tavole con danni sulla salute soprattutto dei bambini, come dimostrano centinaia di studi pubblicati sulle più prestigiose riviste internazionali”.

In occasione dei molti sbarchi, nonostante i solleciti da parte dei poliziotti in servizio, il servizio di igiene ambientale vista l'impossibilità ad intervenire, non raccoglie i rifiuti nell’immediatezza, quindi, anche solo per un giorno i rifiuti rimangono in balia delle intemperie e spesso si riversano in mare.

Berretta chiede pubblicamente di porre fine a questo devastante inquinamento ambientale e rincara la dose: “se questo comportamento l'avesse attuato un privato, sarebbero fioccate sanzioni o denunce. Chiedo – continua Berretta - al commissario straordinario dell'Autorità Portuale contrammiraglio della Guardia Costiera Nunzio Martello di intervenire immediatamente”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

Torna su
CataniaToday è in caricamento