Posteggiatori abusivi, altri due pizzicati dalla polizia: sequestrati gli "incassi"

In nemmeno mezza giornata un uomo aveva raggranellato ben 65 euro

Proseguono i contorlli disposti dal questore contro il fenomeno dei posteggiatori abusivi. Nello specifico ieri un uomo T.G è stato bloccato, sanzionato e denunciato dagli agenti delle volanti: era recidivo ed era tornato in via Battello per svolgere la sua "attività".

Un'attivia particolarmente remunerativa: solo a metà pomeriggio, l’uomo aveva già “raggranellato” una somma (che, presumibilmente, al termine della serata avrebbe di molto superato la corrispondente paga di un onesto lavoratore) che non aveva fatto in tempo a nascondere e, quindi, salvare dal sequestro.

Analoga sorte è toccata, il giorno precedente, al catanese S.S.O., sorpreso dagli uomini delle volanti a esercitare in via V. Emanuele Da Bormida. L’uomo, in questo caso, è risultato recidivo, oltre che da un punto di vista amministrativo (elemento che, in mancanza di un ricorso, sarebbe stato di per sé sufficiente per una denuncia penale), anche da quello specificatamente penale, essendo stato già indagato. Entrambi i casi saranno sottoposti al vaglio della questura per emanare un avviso orale. In possesso dell'ultimo uomo è stata trovata una somma di oltre 20 euro, anch’essa sequestrata quale presunto provento dell’illecita attività.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento