"Posto Occupato", Scialfa: "La violenza sulle donne può essere evitata"

Per la rappresentante dell'Amministrazione "occorre offrire ai ragazzi e alle ragazze, che saranno gli uomini e le donne di domani, le chiavi culturali per far nascere una società basata su pace e uguaglianza"

Foto Cataniaoggi

"La violenza sulle donne è inaccettabile, ma può essere evitata". Lo ha detto l'assessore alla Scuola e alle Pari Opportunità Valentina Scialfa nel presentare, nella scuola Cavour diretta da Maria Leonardi, la campagna di rilevanza nazionale "Posto Occupato" alla quale il Comune ha aderito con deliberazione di Giunta.

"Il tempo della noncuranza e degli indugi - ha aggiunto l'assessore - è giunto al termine: nella società si profila un cambiamento forte e 'Posto Occupato', oltre a essere un'importante occasione per riflettere sul fenomeno, ancora terribilmente presente, è un momento fondamentale di confronto per l'individuazione di strumenti, anche culturali, idonei a combatterlo. E se l'Amministrazione comunale ha riunito in un solo assessorato Scuola e Pari Opportunità, è anche per offrire ai ragazzi e alle ragazze, che saranno gli uomini e le donne di domani, quelle chiavi culturali di comprensione e conoscenza utili alla costituzione di una società basata su pace e uguaglianza".

"L'iniziativa alla quale il Comune di Catania ha aderito viene definita come 'un gesto concreto dedicato a tutte le donne uccise' e si traduce nel riservare un posto a teatro, sul tram, a scuola, in metropolitana, nella società affinché la quotidianità non lo sommerga"

All'incontro hanno anche partecipato, per il Comune, la presidente del consiglio comunale Francesca Raciti, Elena Ragusa, presidente della commissione consiliare "Pace e pari opportunità", Erika Marco, presidente della commissione consiliare "Solidarietà Sociale", Ersilia Saverino, attrice e consigliere comunale che ha letto alcuni brani tematici.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento