Precari negli enti locali della provincia etnea, Ugl: "No al transito in una partecipata"

"Diciamo no alla creazione di una partecipata regionale ad hoc, dove far transitare una mole così enorme di lavoratori che da anni operano all'interno di queste amministrazioni"

“Siamo allarmati per la sorte delle centinaia di precari che, ancora oggi, stanno lavorando alle dipendenze dei comuni e della città metropolitana di Catania e non vedono alcuno spiraglio positivo nell’ormai annosa vertenza della loro stabilizzazione. Diciamo no alla creazione di una partecipata regionale ad hoc, dove far transitare una mole così enorme di lavoratori che da anni operano all’interno di queste amministrazioni (talvolta espletando mansioni superiori a quelle previste dal contratto di lavoro) che, tra l’altro, in molti casi non possono farne a meno a causa dei progressivi pensionamenti". Lo dichiarano il segretario generale territoriale della Ugl Catania, Giovanni Musumeci, il segretario provinciale della federazione autonomie locali Giuseppe Viglianesi ed il responsabile delegato per le problematiche del precariato della stessa federazione Alessandro Catalano.

"Riteniamo, oltretutto, ad alto rischio una simile operazione che rischierebbe di trasformarsi in un nuovo limbo dove collocare questi dipendenti. Se oggi, infatti, all’ordine del giorno abbiamo la questione del precario da stabilizzare, domani ci troveremo ad affrontare la situazione dello stabilizzato-precario - aggiungono - Perché una partecipata, seppur controllata da un ente pubblico, è sempre un soggetto di diritto privato che in qualunque momento può dichiarare fallimento (vedi la vicenda di “Sviluppo Italia Sicilia”) e mandare a casa il personale. Peggio ancora se tutto ciò è associato alla promessa dello sblocco dei concorsi con la quale si potrebbero creare riserve di posti messi a bando. Conoscendo, infatti, l’attuale condizione delle amministrazioni locali della nostra area metropolitana, che non riescono più a chiudere neanche i bilanci, quest’ultima idea ha più il sapore di uno spot che di una prospettiva futura concreta.”

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Siamo anche contrari alla creazione di un nuovo carrozzone regionale perché si correrebbe il serio rischio di buttare al vento altri soldi, soprattutto per il mantenimento dei vertici amministrativo – gestionali. Ci appelliamo quindi ai governi, nazionale e regionale, ed ai parlamentari nazionali e regionali, affinchè possano trovare una soluzione urgente tale da poter consentire a questi enti di poter stabilizzare i lavoratori precari, anche tramite interventi diretti a sostegno dei bilanci già notevolmente massacrati negli ultimi tempi. Come Ugl, siamo convinti che bisogna seguire la strada già intrapresa dalla Regione Siciliana negli anni passati quando, accantonato il pensiero di creare una struttura partecipata, si è passati all’assunzione diretta dei dipendenti sino ad allora precari.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollo auto 2020 - Come presentare la richiesta di esenzione e rimborso

  • Coronavirus e Dpcm, Musumeci: "Ci permettano di aprire fino alle 23 ristoranti, bar, pizzerie"

  • Conte firma nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata ordinanza di Musumeci

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Coronavirus, oggi la nuova ordinanza del presidente Musumeci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento