Lunedì, 22 Luglio 2024
Cronaca Sant'Agata Li Battiati

Sant'Agata Li Battiati, studenti e istituzioni ricordano le vittime della Shoah

Il Prefetto di Catania ha ringraziato i 250 studenti presenti per i lavori preparati con cura e impegno

I ragazzi della Scuola Media “M. Pluchinotta” e i piccoli alunni del circolo didattico “Sant’Agata Li Battiati”, hanno reso omaggio alle vittime della Shoah e delle persecuzioni naziste. Durante la cerimonia, in particolare, sono state ricordate le figure di Rosario Cacciola e Franco Scandurra, cittadini della provincia di Catania, internati nei campi di prigionia tedeschi durante la II guerra mondiale. La commemorazione, svoltasi nella sala del polo culturale "Giovanni Verga", con la presentazione di Salvo La Rosa, è stata aperta dall’esecuzione dell’inno nazionale da parte dell’orchestra dell’istituto “Pluchinotta” e dai saluti Sindaco di Sant’Agata Li Battiati, Marco Rubino e del dirigente dell' ufficio scolastico provinciale, Emilio Grasso. Il Prefetto di Catania, Maria Carmela Librizzi,  ha ringraziato i 250 studenti presenti per i lavori preparati con cura e impegno. "Dovranno essere loro le voci della Shoah - ha detto - e di tutti i sopravvissuti agli orrori della guerra e della barbarie nazista".

Gli alunni delle scuole di Sant’Agata Li Battiati, tramite i loro racconti, hanno fatto riecheggiare le parole e le voci di Primo Levi, Elie Wiesel e di altri internati nei lager nazisti, come la senatrice Liliana Segre. Il percorso della memoria è stato aperto dalle immagini del video “Luoghi della memoria: un’amicizia oltre la guerra”, girato dai ragazzi della scuola media “M. Pluchinotta”, nel cimitero di guerra di Motta Sant’Anastasia, in cui le parole di Primo Levi si sono intrecciate con gli articoli della Costituzione repubblicana. Il discorso pronunciato all’Europarlamento da Liliana Segre, in occasione dei 75 anni dalla liberazione del campo di Auschwitz, e quelle della poesia “La farfalla gialla”, interpretate sempre dai ragazzi del Pluchinotta, hanno preceduto le delicate note delle danza popolare ebraica “Gam – Gam” che hanno preso vita grazie alla splendida coreografia dei bambini del Circolo Didattico “Sant’Agata Li Battiati”.

Le parole sono tornate protagoniste con la lettura dei brani “Per non dimenticare” e “Le voci della Shoah” – dal libro “Se questo è un uomo” – accompagnate dall’esecuzione dei brani musicali tratti dai film “La Vita è Bella” e “Schindler's List”. I giovani studenti hanno consegnato le medaglie concesse dal Presidente della Repubblica in onore di cittadini di questa provincia deportati in Germania durante la seconda Guerra Mondiale per essersi opposti al regime nazista. Affiancata dal Prefetto di Catania e dal vicesindaco di Linguaglossa, Renato Barletta, la piccola Benedetta, alunna del circolo didattico “Sant’Agata Li Battiati”, ha consegnato la medaglia alla memoria di Rosario Cacciola, internato in Germania dall’8 settembre 1943 al 25 aprile 1945, ai figli Salvatore ed Egidio. Tommaso, della scuola media "Pluchinotta", insieme allo stesso Prefetto e al Sindaco di Pedara, Alfio Cristaudo, ha consegnato la medaglia alla memoria di Franco Scandurra, internato in diversi campi, fra la Germania e la Polonia, dall’8 settembre 1943 all’8 maggio 1945, al nipote Sebastiano. In conclusione, il Prefetto ha ringraziato gli istituti scolastici, il Sindaco Rubino e le altre autorità intervenute, sottolineando come oggi "si sia instillato in ciascuno dei 250 ragazzi presenti il seme della memoria, affinché non ci si volti mai dall’altra parte dinanzi alle aberrazioni della guerra e dell’odio e perché è preciso obbligo della società civile far in modo che il ricordo non sia solo commemorazione, ma impegno civile perchè ciò che è stato non si ripeta più". L’orchestra e il coro dell’Istituto “Pluchinotta” e del Circolo Didattico “Sant’Agata Li Battiati” hanno, concluso la mattinata con una nuova esecuzione de “La vita è bella” di Nicola Piovani.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sant'Agata Li Battiati, studenti e istituzioni ricordano le vittime della Shoah
CataniaToday è in caricamento