Pregiudicato lascia una bomba in un distributore di benzina, arrestato

Si tratta di un romeno che ha abbandonato un residuato bellico in un'area di servizio di Paternò preannunciandone l'esplosione

Aveva lasciato un ordigno bellico in un distrubtore di servizio sulla ss 192 a Sferro, nella zona di Paternò, e ne aveva preannunciato l'esplosione. E' successo la scorsa notte e protagonista della vicenda è un pregiudicato romeno di 56 anni.

L'uomo alla presenza del gestore e di alcuni avventori ha posizionato sulla colonnina dell’erogatore di carburanti una bomba da mortaio di nazionalità inglese calibro 81 mm/3 pollici attiva e completa di spoletta.


Una delle persone presenti, tenendo sempre sotto controllo l'uomo all’interno dell’area, è comunque riuscita a dare tempestivamente l’allarme al 112 consentendo l’intervento pressoché immediato di diverse pattuglie della compagnia Carabinieri di Paternò che sono riuscite a bloccarlo ed ammanettarlo.

Sul posto sono intervenuti anche gli Artificieri Antisabotaggio del Reparto Operativo del Comando Provinciale Carabinieri di Catania i quali, dopo aver messo in sicurezza l’intera area, hanno neutralizzato e poi rimosso l’ordigno per il successivo brillamento in zona sicura.

Sono tuttora in corso accertamenti tesi a verificare la personalità dell'uomo e le motivazioni del gesto. L’arrestato su disposizione dell’autorità giudiziaria è stato rinchiuso nel carcere di Catania Piazza Lanza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Coronavirus, morto l'avvocato Ferlito: per lui era stato lanciato un appello ai donatori di plasma

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento