Presidio di solidarietà sotto la palazzina occupata di via Calatabiano 49

Nei giorni scorsi, in base al racconto di quanti erano presenti, la polizia avrebbe fatto irruzione nell'immobile per schedare le famiglie che abitano nella palazzina

Previsto per domani mattina, alle ore 10:30, un presidio di solidarietà sotto la palazzina occupata di via Calatabiano 49. In base al racconto di quanti erano presenti, la polizia avrebbe già fatto irruzione nell'immobile per schedare le famiglie che abitano nella palazzina.

Da qui, la protesta degli occupanti. "Non torneremo per strada", dichiara Deborah, abitante e madre di tre figli, che continua: "Per anni abbiamo chiesto una casa, un tetto, un riparo alle istituzioni senza nessuna risposta. Stanchi e un po' rassegnati abbiamo messo insieme le ultime forze rimaste e abbiamo deciso di recuperare uno dei tanti immobili abbandonati e sottoposti a speculazione immobiliare".

"Dal 7 novembre del 2015 abbiamo pulito, sistemato, abbellito e reso casa la palazzina di via Calatabiano 49 - aggiunge Davide - Da quel 7 novembre molti di noi hanno ritrovato la serenità, hanno ricomposto la famiglia, hanno riscaldato il cuore. Quel 7 novembre abbiamo capito che nulla ci viene regalato e che quei "diritti" di cui si parla spesso sono solo carta, purtroppo. Abbiamo capito che solo lottando, insieme, si ottiene qualcosa, e anche quel poco che si ha va costantemente difeso.

"Non torneremo per strada!" non è uno slogan, è la promessa che facciamo, a noi stessi e a chi minaccia la nostra serenità. Per strada non è vita, e non finiremo manco in B&B temporanei o in camerate della Caritas. Torneremo in tutti gli uffici, dormiremo dentro la Prefettura o l'ufficio Casa, ma non torneremo per strada"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Coronavirus, morto l'avvocato Ferlito: per lui era stato lanciato un appello ai donatori di plasma

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento