Prezzi degli affitti in calo in Sicilia, ma in aumento a catania

Tra le regioni con gli affitti meno cari c'è la Sicilia. Qui il prezzo medio per un mese d'affitto è di 556 euro, 30 euro in meno rispetto a gennaio di quest'anno. Ma a Catania invece i prezzi sono aumentati, da 642 euro di gennaio siamo arrivati ai 707 euro di maggio

Variazioni sui prezzi degli affitti delle principali città italiane. Dagli ultimi dati di maggio, registrati dal portale Mioaffitto.it risulta che una mensilità costa in media 772 euro al mese. Vivere a Palermo, ad esempio, costa in media 667 euro al mese, circa il 4,8% in più rispetto a maggio dell'anno scorso. A gennaio la media era più bassa, 636 euro. "Queste statistiche sono state calcolate mediante i 2864 immobili palermitani disponibili sul nostro portale", si legge nella nota di Mioaffitto.it. A Catania invece i prezzi sono aumentati, da 642 euro di gennaio siamo arrivati ai 707 euro di maggio.

Milano rimane il luogo più caro d'Italia: 1462 euro per un mese come inquilino. Dall'anno scorso, questa cifra è aumentata del 10,7% e da gennaio il prezzo è salito di 460 euro. Roma è seconda in classifica e la differenza del prezzo è lieve, solo di 4 euro: da 1384 di gennaio, a maggio una mesilità costa 1388. La città dagli affitti più economici dello stivale è Biella, a maggio il prezzo medio registrato è di 384 euro in media diminuito di circa 20 euro da gennaio. L'ultimo posto nella classifica da mesi era occupato da Ragusa, che dai 379 euro dell'inizio dell'anno 2014, complice l'inizio della stagione estiva ha visto salire il prezzo del 2%. Lieve differenza che scombussola però la classifica, stabili fino al mese di maggio.

Tra le regioni con gli affitti meno cari, quindi, la Sicilia. Qui il prezzo medio per un mese d'affitto è di 556 euro, 30 euro in meno rispetto a gennaio di quest'anno.

Abruzzo, Basilicata, Umbria, Molise e Calabria sono le regioni italiane in cui gli affittio sono più bassi. I prezzi medi infatti sono tutti inferiori ai 500 euro. A gennaio, anche il Friuli Venezia Giulia rientrava tra le regioni più economiche, un inquilino pagava 535 euro, contro i 550 attuali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Incidente sulla Palermo-Catania, illeso il cantante neomelodico De Martino: morto un 60enne

  • Incidente stradale sulla Palermo-Catania, scontro tra un furgone e una Porsche: un morto e due feriti

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Arrestato anche il secondo rapinatore della gioielleria di via Umberto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento