menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Prg, Zammataro (DB): “Approvato ordine del giorno per una città verde e sostenibile"

La nota del presidente della commissione urbanistica dopo i lavori del Consiglio comunale sul piano regolatore

E’ stato approvato, nella seduta di ieri sera, un ordine del giorno presentato dal consigliere Manfredi Zammataro (Diventerà Bellissima) durante la trattazione delle linee guida del piano regolatore generale. Nello specifico l’ordine del giorno, approvato all’unanimità dal consiglio, ha impegnato l’amministrazione comunale a redigere un prg che abbia come paletti la sostenibilità urbana, la tutela del verde, del sociale e un piano per il commercio.

“Dai molti confronti avvenuti in questi mesi – spiega Zammataro, presidente della commissione Urbanistica – ho avuto modo di incontrare, con I colleghi, diverse realtà associative e sindacali ed è emersa l’assoluta necessità di prevedere dei punti fermi nel prossimo piano regolatore per uno sviluppo della città che tenga conto di alcuni principi inderogabili”. “Con l’ordine del giorno presentato – prosegue il consigliere – innanzitutto si impegna l’amministrazione a curare la sostenibilità urbana. Catania, come dimostrano I dati emersi dopo la giornata promossa dal WWF “Urban Nature”, è ancora molto indietro e non ha ancora una dimensione europea. Inoltre è necessario poter dare piena applicazione alle legge 10 del 2013 per piantumazione di un nuovo albero ogni bambino nato o adottato e occorre incoraggiare esperienze condivise di rigenerazione urbana con I cittadini, come ad esempio I giardini condivisi e gli orti sociali”. “A Catania serve un piano per il decoro urbano e nuovi parchi e non più cemento. In quest’ottica serve recuperare il patrimonio pubblico esistente. Ma il piano regolatore dovrà tenere conto della fortissima crisi sociale ed economica della città dando risposte concrete, in termini di infrastrutture e servizi, ai catanesi attraverso asili, ambulatori, strutture sanitarie, centri di ascolto. Infine altri due tasselli: un piano commerciale che tuteli I nostri imprenditori senza avere più centri commerciali costruiti in maniera indiscriminata e l’apertura della città al mare, senza cementificazione ulteriore sul waterfront e con l’eliminazione delle barriere che impediscono un accesso agevole al mare”, ha concluso Zammataro

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Attualità

McDonald’s, l’iniziativa "Sempre aperti a donare" arriva a Catania

Utenze

Rettifica della bolletta luce e gas: come richiederla

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento